Il governo ti aiuta a comprarlo ma poi non te lo fa usare | Si prevede un’estate infuocata

L’estate 2022 è alle porte con temperature previste al di sopra della media stagionale sia in Italia che in tutta Europa. Il sistema europeo di monitoraggio satellitare del clima, Copernicus, ha pubblicato da poco il rapporto delle temperature per la stagione estiva.

Il mese di giugno, risulta dai monitoraggi climatici, quello con le temperature più alte della media stagionale. Proprio a causa di questi cambiamenti climatici avvenuti negli ultimi anni, chi non possiede i condizionatori, potrebbe seriamente cambiare idea, (nonostante gli aumenti in bolletta), ed approfittare di questo nuovo bonus condizionatori 2022.

Caldo tremendo (foto web)
Caldo tremendo (foto web)

il bonus si rivolge non soltanto agli acquirenti ex-novo ma anche a coloro che vogliono sostituire i vecchi condizionatori con i più moderni e meno inquinanti. La legge di bilancio 2022 che conferma il bonus, da la possibilità di avere un’ agevolazione fiscale che va dal 50 al 65% in quanto si possono accompagnare all’ acquisto del condizionatore altre diverse agevolazioni.

Quali sono le agevolazioni che si possono ottenere insieme al bonus condizionatori 2022

Sono diverse le agevolazioni che vengono concesse insieme al nuovo bonus condizionatori: bonus ristrutturazione, bonus mobili (al 50%), ecobonus (al 65%). Non solo, viene concesso anche un’ altro bonus che si lega alla stagione estiva e che può essere richiesto entro la fine del 2022: il bonus tende da sole che dà diritto a detrazioni del 50% delle spese totali oppure al 110% (nel caso di superbonus ), per l’ acquisto e la messa in posa di schermature solari o per le chiusure oscuranti quali persiane, avvolgibili, scuri, tapparelle.

Per il 2022 l’importo massimo di spesa è pari a 10.000 euro. I pagamenti devono essere tracciabili affinché la detrazione sia concessa, quindi eseguiti tramite carta di credito, di debito o bonifico bancario. Se viene usata una carta, la data di pagamento che viene considerata è quella in cui la carta è stata usata e non quella dell’ addebito sul conto.

Bonus condizionatori al 110%

Una disposizione che consenta di acquistare un condizionatore singolarmente e di fruire del bonus 110% non c’è ma si può far rientrare il dispositivo in un “intervento di sostituzione dell’impianto di condizionamento” ottenendo così una soluzione vantaggiosa.

Come si ottiene il bonus condizionatori

Il bonus condizionatori del 50% o del 65% si può ottenere in due modi: con uno sconto diretto al momento dell’acquisto del condizionatore oppure attraverso la dichiarazione dei redditi. In tutti e due i casi bisognerà documentare le spese che danno diritto alla detrazione e il miglioramento dell’ efficienza energetica nell’ edificio. Un’ altro vantaggio è che per questo bonus non viene richiesta la dichiarazione ISEE per cui chiunque ha diritto alla detrazione senza dimostrare la propria situazione economica.

Bonus condizionatori (foto web)
Bonus condizionatori (foto web)

Da sapere anche che sono uscite nuove normative per quanto riguarda la temperatura impostata del condizionatore. Si parte con le amministrazioni e gli uffici pubblici che devono non oltrepassare i 26 gradi. Poi questo regolamento si estenderà anche per i privati.