Stipsi, arriva il frutto estivo per eccellenza a darci una mano | Ricco di fibre con qualità lassative

Il suo albero e i suoi fiori sono stati celebrati da poeti, pittori, cantanti, scrittori e registi cinematografici. Ma il frutto batte tutti

Diteci un modo in cui questo frutto non è buono. Gustarlo, magari fresco, ci fa sentire proprio l’aria, il profumo e il senso dell’estate. E ora che apprenderete quando fa bene al nostro corpo e al nostro organismo ne mangerete ancora di più!

Stipsi (foto web)
Stipsi (foto web)

Come la maggior parte dei frutti estivi, si tratta di frutta ricca di acqua e sali minerali. Per questo, quindi, è molto adatto per dissetarsi, ma, soprattutto, per mantenere una buona idratazione del nostro corpo che, con il caldo, l’afa e il sole cocente, rischia di disidratarsi. Ma non sono le uniche proprietà.

E’ un frutto assai ricco di fibre, quindi particolarmente indicato per chi soffre di problemi gastrointestinali. Aiuta infatti la defecazione, avendo una discreta qualità lassativa. Pur essendo molto dolce, non ha picchi calorici, né grandi quantità di grassi. Anche per questa scarsa concentrazione di grassi combattono il colesterolo cattivo che sappiamo essere un problema che affligge molte persone.

Essendo un frutto ricco di vitamina C e di acido folico è inoltre particolarmente indicato per le donne che stanno affrontando uno stato di gravidanza. Danno peraltro benefici a ossa e pelle e riducono spossatezza e senso di fatica grazie alla presenza del potassio (di cui sono assai ricche le banane, per esempio.

Ma una qualità molto importante e sconosciuta ai più è l’aiuto che questo frutto dà alla vista. Se la vitamina C è nota e preziosa, lo è ancor di più la vitamina A, che aiuta a proteggere la retina dalla degenerazione maculare.

Che buone le pesche!

Insomma, basterebbero già tutte queste doti per farci fare scorpacciate di pesche. Se poi, però, aggiungiamo anche che sono buonissime, beh, allora il quadro è davvero completo. Il pesco è un albero originario della Cina, dove fu considerato simbolo d’immortalità. E’ un albero che può raggiungere un’altezza di 4-8 metri.

Pesche (web source) 21.5.2022 direttanews
Pesche (web source)

Quanto al frutto, la pesca ha buccia di colore giallo-rossastra ma anche bruna, che può essere sottile e vellutata o liscia. La polpa è dolcissima e profumata e, secondo la varietà, può essere gialla o bianca con venature rosse più evidenti in prossimità del nocciolo. 

Insomma, parliamo di un frutto buonissimo e prezioso, che proviene da un albero ancor più pregiato. Non è un caso che i fiori del pesco siano stati celebrati da poeti, pittori, cantanti, scrittori e registi cinematografici.