Se mangi le arance in questo modo hai sbagliato tutto: Il segreto per assimilare le vitamine | In pochi lo sanno

Vitamina C, ma non solo. Che facciano benissimo, lo sappiamo bene. Ma sapere come le dovete consumare, vi sorprenderà davvero

Il balzo delle temperature fino ai 35 gradi con bolle di calore che stringono d’assedio città e campagne ha fatto esplodere i consumi di frutta e verdura sulle tavole degli italiani negli ultimi sette giorni con un aumento medio del +20%. E’ quanto stima la Coldiretti. Tra queste, anche le arance.

Arance (web source) 26.5.2022 direttanews
Arance (web source)

Che facciano benissimo, lo sappiamo bene. Ciliegie, fragole, nespole, asparagi, radicchio, rucola, ravanelli, zucchine, cavoli, patate, carciofi, finocchi, piselli, fave, carote, le prime angurie, meloni, albicocche e pesche ma anche mele, kiwi e le ultime pere e arance italiane aiutano a combattere l’afa, a idratarsi e a fare il pieno naturale di vitamine.

Sono buonissime e utili in qualsiasi momento della giornata. Anche a colazione. Con la stragrande maggioranza degli italiani che fa colazione in casa, una buona e genuina spremuta d’arance è il modo migliore per iniziare bene la giornata.

Complici gli ultimi due anni di pandemia da Covid-19, infatti, abbiamo incrementato a colazione il consumo di alcuni cibi che rafforzano il sistema immunitario. Come per esempio arance, limoni e kiwi, grazie al contenuto di vitamina C, aumentati del 33%. Insomma, che siano un toccasana per la nostra salute è notorio. Ma fino a oggi non sapevamo che mangiarle così, è davvero molto utile.

Le bucce d’arancia

Le arance sono un frutto preziosissimo per la nostra salute, quindi. Non è solo ricca di vitamina C. E’ ricca anche delle vitamine A e B. Ma anche di altre sostanze molto utili, quali potassio fosforo, calcio e magnesio.

Quasi sempre consumati sotto forma di spremuta. Ma molti non disdegnano anche l’utilizzo nelle insalate. E, per gli amanti della cucina gourmet, anche nei piatti salati, soprattutto a base di carne o pesce. Ma c’è un altro modo molto importante tramite cui acquisire i benefici di questo agrume. Masticare le bucce d’arancia. Ebbene sì. Perché molte delle sostanze di cui è ricca l’arancia sono presenti proprio nella buccia.

Scorza d'arancio (foto web)
Scorza d’arancio (foto web)

Masticare la buccia d’arancia, quindi, può aiutare contro i disturbi dello stomaco, ma anche contro quelli respiratori. Questo grazie a un’ottima presenza di fibre che regola il nostro intestino, depurandolo dalle scorie. Per quanto concerne invece i problemi respiratori, è un ottimo rimedio naturale, se però abbinato a quanto prescritto dal nostro medico curante.

In generale, è molto utile per il cavo orale, prevenendo gengiviti e parodontiti. Aiuta quindi l’igiene, quasi la disinfezione. E, quindi, alleviando anche il fastidioso problema dell’alitosi. L’unica controindicazione è per le persone che soffrono di iperacidità. Ma, per il resto, le arance sono preziosissime. Anche le bucce!