Almeno una volta nella vita lo abbiamo fatto tutti ma, forse, nessuno sa che ha rischiato una multa salatissima

È capitato certamente a tutti, e con ogni probabilità magari anche più di una volta nella nostra vita. Si è sempre pensato che non ci fosse niente di male.. invece no! Se ti beccano mentre lo fai rischi grosso

Se si deve affrontare un viaggio piuttosto lungo e magari ci si ritrova in coda anche per ore rimane ancora più difficile. Ritardare la sosta, nonostante fosse prevista, è inevitabile, ma spiacevole, oltre che pericoloso per il nostro fisico.

autostrada italia multa
Foto | PIxabay

Forse non tutti lo sanno ma urinare in autostrada porta a conseguenze non del tutto piacevoli, almeno per quanto riguarda il nostro portafoglio. A differenza del passato, infatti, questo modo di agire era considerato un reato. Ora, invece, non lo è più grazie al decreto di depenalizzazione, ma è comunque vietato dal Codice della Strada.

Attenzione a non commettere questo gesto in autostrada: la multa è pesantissima!

A differenza di molti altri divieti di cui parla il Codice della Strada, l’impossibilità di urinare in autostrada non è legata alla volontà di preservare la sicurezza degli automobilisti. In questo caso, infatti, si fa riferimento alla regola del buon costume e della pubblica decenza.

Il problema può nascere nel caso in cui si dovesse essere notati “mentre si è in azione” da altri automobilisti o da una pattuglia delle forze dell’ordine. Questo vale nonostante si abbia fatto il possibile per nascondersi ed evitare di essere visti, come può accadere ad esempio nella corsia di emergenza.

corsia di emergenza multa
Foto | Pixabay

Pur non trattandosi più di un reato vero e proprio, in questi casi è prevista una sanzione pecuniaria decisamente pesante, che può andare da un minimo di 5.000 ad un massimo di 10.000 euro. Una cifra decisamente fuori dalla portata di molti, impossibile anche da sostenere dalla maggior parte delle persone.

La Corte di Cassazione ha così deciso di intervenire tramite una sentenza, che fa quindi giurisprudenza come quelle emesse dalla Suprema Corte, ma volta a chiarire ogni dubbio a riguardo. Gli “Ermellini”, infatti, hanno sottolineato di ritenere decisamente fuori portata una multa così elevata. Si tratta infatti di un comportamento che non finisce comunque per creare danni agli altri utenti della strada.

Nella sentenza si sottolinea così che urinare in strada o autostrada viene fatto “spesso senza intenzione di recare disturbo ad alcuno, oltre a essere un atto privo di connotazione sessuale. Non si può quindi prevedere la sanzione prevista per chi compie atti osceni in luogo pubblico.

In questo caso si è deciso così di disciplinare questa azione come “atti osceni in luogo pubblico per colpa, senza dolo“: l’importo da pagare può quindi andare da 51 a 309 euro. Ci sono comunque situazioni in cui la multa può essere evitata: è il caso, ad esempio, di una sosta dettata da uno stato di malessere del conducente, che non riesce così a continuare il viaggio. È necessario comunque fare il possibile per trovare un posto riparato “per evitare di essere visto e di offendere la pubblica decenza”.