Torna il cashback di Stato | L’accredito sul conto corrente sarà immediato

In tanti lo aspettavano e ora il cashback di stato è tornato, per la gioia degli italiani. Questa volta, però, sarà del tutto differente.

In tanti si chiedevano che fine avesse fatto quell’idea di far tornare una parte dei soldi spesi agli acquirenti che utilizzassero metodi di pagamento elettronici. La risposta è arrivata dal governo, specie tramite il partito del Movimento cinque stelle, che ne è stato l’ideatore, in passato, e il proponente, di recente. Ovviamente, vi è stato l’immediato contrasto da parte degli oppositori partitici, come Lega e Fratelli d’Italia, ma la normativa sicuramente si farà.

Cashback (foto web)
Cashback (foto web)

Si tratta di una percentuale di spesa che torna indietro a chi acquista dei prodotti. Nel periodo pandemico ha avuto un ottimo effetto nelle tasche degli italiani che hanno voluto provare, ma non sono mancate anche le critiche.

Questa volta la normativa torna in campo, ma sarà effettuata con un metodo del tutto diverso. Intanto, la cosa importante sarà che il rimborso arriverà immediatamente, ma non varrà per ogni settore, come tempi addietro. Il nome anche varia e verrà definito Cashback fiscale.

Il governo sta mettendo in moto la macchina amministrativa per poter portare in aula parlamentare la proposta il 14 di giugno. In questa sede, la commissione finanze della Camera la porrà sotto esame. Il 20 giugno, invece, sarà prevista la votazione in Aula da parte dei parlamentari. Una misura che va a tamponare le problematiche medico sanitarie avute in questi anni.

Come avere il rimborso grazie al Cashback di Stato

Solo un paio di anni fa, una volta attivato il sistema e inseriti i propri dati su alcune piattaforme digitali,  si poteva acquistare ovunque con dei metodi tracciabili, avendo il rimborso non appena finito il limite temporale imposto. Ora, invece, il Cashback fiscale interesserà soltanto il settore medico sanitario. Ovviamente, vi è sempre stata una detrazione di tali spese, ma ora non servirà più scaricarle dalla dichiarazione dei redditi e saranno rimborsate immediatamente.

Pos per pagamento con carta
Pagamento tramite carta (WebSource)

Era l’Agenzia delle entrate a calcolare, poi, la somma da far pervenire al contribuente. Per poter effettuare questa nuova manovra, invece, vi sarà il bisogno di una piattaforma digitale, che permetterà il controllo di tale iniziativa.

I pagamenti in farmacia o in luoghi adibiti alla sanità andranno effettuati con delle carte o digitalmente, per poter ottenere un rimborso pari al 19% della spesa. Un tentativo per far rifiatare le tasche degli italiani, sempre più preoccupati dall’aumento del costo della vita odierna.