Poste Italiane, da il via a nuove assunzioni | La candidatura è telematica e non serve la laurea

L’annuncio lavorativo delle Poste italiane sta facendo gola a molti. Vediamo a chi spetta e come inviare la candidatura.

Magari non è l’aspirazione che molti hanno per il loro futuro, ma di certo è una garanzia a livello di stabilità. Infatti, sono molti i cittadini che fanno di tutto per poter ottenere un posto di lavoro del genere, che al momento sembra poter garantire, specialmente, il lavoro statale. In particolare, oggigiorno un’attività del genere è ben protetta a livello di diritti del lavoratore, cosa che purtroppo non sempre può garantire un privato.

Delle insegne inerenti alle Poste
Insegne Poste italiane (WebSource)

Con l’eliminazione dell’articolo 18, poi, in quest’ultimo settore, neanche con un contratto a tempo indeterminato è possibile avere la sicurezza di una stabilità. Fortunatamente, però, i dipendenti statali sono ancora coperti da tale articolo, eliminato, specialmente, nel periodo in cui Matteo Renzi era a capo del governo italiano. Manna dal cielo, quindi, annunci di lavoro del genere, aperti alla maggior parte delle persone che ne vorrebbero prender parte.

L’azienda di cui stiamo parlando si occupa di servizi postali, finanziari, bancari, di telecomunicazione, di operazioni inerenti alla riscossione e ai pagamenti, di telematica pubblica e della raccolta relativa al risparmio sociale. La sua fondazione risale al 1862, e nacque come azienda autonoma, per poi divenire statale nel 1998. La nascita risale, addirittura, al Regno di Sardegna, dove il nome era proprio Poste di Sardegna.

Come fare per poter lavorare con le Poste italiane

Intanto, la cosa importantissima è che la possibilità è aperta in tutte le regioni italiane. Ad ora, vi erano delle candidature aperte, specialmente, per i giovani laureati, ma al momento qualcosa è cambiato.

Infatti, l’importante è possedere un diploma preso a una scuola media superiore. Non serve alcun tipo di conoscenza particolare o esperienza nel settore. La candidatura può essere inviata telematicamente, ma c’è da stare attenti alla data.

Uomo dentro la sede delle Poste italiane
Persona all’interno delle Poste italiane (WebSource)

In effetti, la scadenza è alle porte, visto che arriverà il 15 di giugno 2022. Oltre al diploma, viene richiesta anche la patente di guida, dato che il lavoro è aperto per la posizione di porta lettere, una delle più ambite dalle persone. 

Vi è una prima fase da superare, dopodiché, le persone idonee verranno contattate da Poste italiane per poter partecipare alla seconda. Il contratto iniziale sarà a tempo determinato e sarà l’azienda a decidere i dettagli, in base alle esigenze di cui ha bisogno. Per approfondimenti, meglio andare sulla piattaforma del Gruppo Poste italiane.