Spiagge, attenzione a questo gesto molto comune | Vi potrebbe costare molto caro

Il mare resta la meta preferita da parte degli italiani, che possono contare su spiagge bellissime. Una volta arrivati sul posto, è però necessario prestare attenzione a come ci si convorta se si vogliono evitare sorprese poco piacevoli.

La scelta della località dove trascorrere un periodo di vacanza può spesso rivelarsi non semplice, soprattutto da parte di chi preferisce approfittare di questo periodo per visitare un posto nuovo. Molti preferiscono puntare sull’estero e non prendono in considerazione le bellezze che il nostro Paese è in grado di offrire, spesso anche a costi contenuti.

spiagge mare vacanza
Foto | Pixabay

La nostra Penisola, infatti, può vantare spiagge bellissime, spesso inesplorate, che possono rivelarsi l’ideale in modo particolare per chi è in cerca di tranquilità. Il comportamento da tenere deve essere però davvero scrupoloso se si vogliono evitare conseguenze negative. In tanti hanno deciso, ad esempio, di regolamentare anche quello che si mangia soprattutto ora che si dovrebbe agire con cautela per evitare di contrarre il Covid. Ma c’è anche un’altra abitudine che molti hanno e che è fortemente sconsigliata.

Attenzione a quali comportamenti hai sulle spiagge italiane: possono costarti caro

Sin dagli anni ’80 molti avevano la tendenza a portare a casa qualcosa che ricordasse i giorni trascorsi in vacanza. La scelta poteva variare sulla base dei gusti di ognuno, ma con l’intento di poter rievocare le emozioni provate quando si aveva un oggetto particolare tra le mani. In tanti preferiscono focalizzare la loro attenzione sulle spiagge che si è avuto modo di visitare non sapendo però quanto questo modo di agire sia sbagliato.

Una delle abitudini più diffuse riguarda conchiglie e sabbia, che venivano raccolte poco prima della partenza. Si tratta però di un comportamento vietato dal Codice della Navigazione: sulla base di quanto indicato nell’articolo 162, si può andare incontro a una multa che va “da euro 1.549,00 a euro 9.296,00”.

Il provvedimento, è bene precisarlo, non si riferisce esclusivamente a questi due elementi, ma anche ad “arena, alghe, ghiaia o altri materiali nell’ambito del demanio marittimo o del mare territoriale”. Non si tratta di una decisione volta a limitare la libertà dei turisti, ma che nasce con un intento ben preciso. L’obiettivo è infatti duplice: mantenere il numero degli organismi viventi che nelle conchiglie vivono ed evitare un incremento dell’erosione delle spiagge.

conchiglie spiagge
Foto | Pixabay

Le conchiglie, in modo particolare, sono apprezzate soprattutto dai più piccoli, che amano raccoglierle per apprezzarne forme e colori. Giocarci è comunque consentito, ma devono poi essere lasciate sul posto.

Chi pensa che regole stringenti riguardino solo chi decide di trascorrere una vacanza al mare, però, deve ricredersi. Per chi ha scelto la montagna, infatti, non è consentito impossessarsi di fiori, erbe e funghi. Una piccola concessione è stabilità per alcune specie, ma solo se si ha tra le mani un’autorizzazione specifica.