Il più grande parco divertimenti d’Italia costretto a chiudere prima | Le cause non sono dipendenti dalla nostra volontà

Prima le proteste per le lunghe code all’ingresso negli ultimi giorni, poi un’altra brutta sorpresa per i clienti e per i bambini

Anche il primo parco divertimenti d’Italia soffre per la scarsità di personale stagionale. E annuncia di dover chiudere in anticipo alcune delle sue attrazioni rispetto all’orario di chiusura. E’ lo specchio di una crisi italiana che non sembra proprio voler finire. I bambini saranno colmi di tristezza.

Parco divertimento (fonte web) direttanews.it (1)
Parco divertimento (fonte web)

Una serata prolungata fino all’una di notte, con dj set e concerti musicali, per poi proseguire da domani con l’apertura dei cancelli dal mattino fino alle ore 23:00. Ma proprio in questi giorni, via internet, l’annuncio che alcune delle attrazioni dovranno chiudere in anticipo. Alle ore 20.00 nella ‘Notte bianca’, e alle 19.00 in seguito.

Una chiusura “a macchia di leopardo”, che comprende sia alcune giostre per i più piccoli che alcune attrazioni per i più grandi. Si tratta di Jungle Rapids, Magic House, Superbaby, Funny Express, Flying Island, Baby cavalli, Peter Pan, Cinema 4D Experience, Space Vertigo, Colorado Boat, Kung fu Panda Master, Albero di Prezzemolo, Baby Canoe.

“Siamo estremamente dispiaciuti per la delusione causata da questa situazione, che è temporanea e che contiamo di risolvere al più presto. Purtroppo siamo costretti a causa di della forte carenza di lavoratori stagionali che sta sperimentando il settore turistico”. Questa la nota stampa divulgata.

Il primo parco divertimenti in Italia chiude in anticipo

Prima le proteste per le lunghe code all’ingresso negli ultimi giorni, poi un’altra brutta sorpresa per i clienti di Gardaland, quindi. Con profondo dispiacere da parte dei bambini che, invece, speravano di poter utilizzare i primi giorni della stagione estiva per divertirsi.

Gardaland (web source) 20.6.2022 direttanews
Gardaland (web source)

La comunicazione è avvenuta attraverso il sito internet di Gardaland. A poche ore dalla ‘Notte bianca’. Con cui si apre con qualche giorno di anticipo la stagione estiva al resort di Castelnuovo del Garda (Verona). Ai rilievi critici della clientela, i social manager di Gardaland hanno risposto con un messaggio uniforme: “Come già anticipato si tratta di una situazione momentanea che contiamo di risolvere a brevissimo” conclude il messaggio.

Sulla vicenda è intervenuta anche l’amministratrice delegata del resort, Sabrina De Carvalho: “Stiamo continuando ad assumere e attivando tutti gli strumenti per integrare il personale ancora mancante. Mano a mano che si procederà con il recruiting e si raggiungerà il numero necessario di addetti, apriremo progressivamente le attrazioni chiuse per permettere ai nostri visitatori di godere al massimo le giornate al Parco”.

“Durante l’orario diurno – precisa De Carvalho – tutte le attrazioni del Parco sono sempre state e continuano a restare aperte. Con l’estensione dell’apertura del Parco fino alle 23, solo alcune attrazioni del Parco saranno temporaneamente chiuse dopo le 19 a causa delle difficoltà che Gardaland, come tutto il settore del turismo, sta riscontrando nella ricerca di personale da assumere per la stagione estiva”.