Ora non ci sono più scuse per non fare prevenzione | Prenotare sarà molto più semplice

Finalmente è stato firmato un accordo tra regione e Federfarma che cambierà le abitudini dei cittadini. La prevenzione subirà una svolta,  velocità ed efficienza dei sistemi informatici semplificheranno la vita di tutti.

Sono anni che il sistema sanitario nazionale nonché i medici, invitano i cittadini a prevenire le malattie oncologiche tramite visite specialistiche e screening. Purtroppo non è sempre  facile prenotare e aderire alle iniziative in quanto il sistema è oberato ed intasato per l’ alto numero di prenotazioni, per i sistemi informatici che talvolta hanno subito cambiamenti e quindi disagi ma soprattutto per i pesanti iter burocratici che gli utenti devono seguire per le prenotazioni.

screening oncologico (Fonte Web)

Arriva nel Lazio il cambiamento

Già nei mesi scorsi nella regione Lazio è avvenuto il cambiamento, infatti sul portale della regione è possibile prenotare con un click prestazioni che fino a pochi mesi fa si dovevano prenotare presso i cup o telefonicamente. Ci si può collegare con il codice fiscale, si sceglie il tipo di prestazione ed il luogo dove l’ utente preferisce recarsi per effettuarla.

La stessa procedura è stata attivata per gli screening, ossia quegli accertamenti necessari per appurare o escludere la possibilità di sviluppare un tumore. Oggi, con l’ accordo tra regione e Federfarma, tutto questo lo si potrà fare anche in 1800 farmacie del Lazio.

Una svolta importante che velocizza tutto il sistema e che abbraccia un bacino di utenti che non essendo pratici dei mezzi informatici, hanno rinunciato in passato alla famosa prevenzione. Il Lazio punta agli screening per contrastare i tumori.

Da sempre è stata una priorità per la regione Lazio invitare i cittadini alla prevenzione inviando lettere ad utenti maschi e femmine di un preciso target di età che coincide nella casistica di chi potrebbe sviluppare la malattia, nell’ultimo anno sono state inviate circa 1,9 milioni di lettere ma le adesioni sono state del 50%.

paura degli screening (Fonte Web)
paura degli screening (Fonte Web)

Nonostante la comunicazione da parte della regione, solo la metà ha aderito. Le motivazioni possono essere legate sia alla paura di scoprire qualcosa di maligno sia perché all’invito deve seguire quell’ iter burocratico spesso sfiancante. L’aver snellito la procedura sta a significare un maggior numero di utenti che si avvicinano allo screening quindi alla prevenzione.

Ecco gli screening prenotabili con un click

Tumori alla mammella, della cervice e del colon retto saranno gli screening che si prenoteranno con un click comodamente da casa oppure in farmacia, contrastando così la burocrazia che è cancro del sistema sanitario. Il sistema di prenotazione on-line si chiama “Prenota smart” disponibile sul portale regionale, per l’accesso bastano pochi click ed avere il codice fiscale, (codice Stp o Eni) e la tessera sanitaria.

Stessi documenti se lo si vuole prenotare in farmacia. Si punta alla semplificazione per tutti in modo per eliminare ogni ostacolo per i percorsi di prevenzioni, ci deve essere accessibilità per tutti, ha dichiarato Nicola Zingaretti, anche nei piccoli quartieri e nei paesini senza grandi servizi sanitari. Le farmacie hanno aderito con convinzione a questo accordo proposto dalla regione Lazio per essere presenti e di aiuto sul territorio.