Nuovo bonus per i lavoratori | 550 euro in più rispetto al precedente incentivo

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, non ama particolarmente la politica dei bonus. Ma questo incentivo era fondamentale visto il periodo

La politica dei bonus può non piacere. Può sembrare assistenzialismo. Ma in una fase come questa, gli italiani hanno bisogno di un sostegno economico. Prima i due anni di pandemia da Covid-19, poi la crisi energetica e adesso la guerra in Ucraina. I cittadini sono allo stremo. Ecco perché il Governo sta continuando a elargire somme. L’ultima è abbastanza cospicua ed è una vera e propria novità.

Soldi (web source) 5.7.2022 direttanews (2)
Soldi (web source)

Bonus necessari perché la situazione economica è incostante allarme. L’inflazione nella zona Ocse è cresciuta al 9,6% a maggio 2022, dopo il 9,2% di aprile, principalmente a causa dell’innalzamento dei prezzi dell’alimentazione e dell’energia.

Lo annuncia la stessa Ocse in una nota, precisando che si tratta del “più forte aumento dei prezzi da agosto 1988”. L’inflazione, precisa l’organismo internazionale con sede a Parigi, “è cresciuta in tutti i Paesi, ad eccezione della Colombia, del Giappone, del Lussemburgo e dei Paesi Bassi”.

I tassi più elevati si registrano in Turchia, Estonia e Lituania. In Italia, l’inflazione è cresciuta dal 6% di aprile al 6,8% di maggio. Per il Codacons, infatti, il potere d’acquisto dei cittadini è destinato a peggiorare nel II trimestre nel 2022. Per questo, quindi, il Governo ha deciso di inserire un ulteriore bonus. A darne notizia, il ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

Il nuovo bonus

Orlando si è detto non troppo entusiasta della politica dei bonus. Ma, allo stesso tempo, ha considerato importante per le tasche dei cittadini questo nuovo provvedimento voluto dal Governo. Ecco di cosa si tratta nel dettaglio.

Soldi (web source) 5.7.2022 direttanews
Soldi (web source)

Il bonus è di 550 euro viene erogato ai lavoratori part time. La cosa importante è che questa nuova somma è cumulabile col bonus da 200 euro ma è riservato soltanto ai lavoratori dipendenti.

Una tantum da 550 euro nel 2022 ai lavoratori dipendenti di aziende private che abbiano avuto un contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale nel 2021. In tutto, vengono stanziati 30 milioni e fissati alcuni paletti: l’indennità puo’ essere corrisposta a chi abbia “periodi non interamente lavorati di almeno un mese in via continuativa e complessivamente non inferiori a sette settimane e non superiori a venti settimane e che, alla data della domanda, non siano titolari di altro rapporto di lavoro dipendente, ovvero percettori della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) o di un trattamento pensionistico”.

Infine, con il taglio del cuneo fiscale con il prossimo decreto il Governo presieduto da Mario Draghi si appresta varare un aumento in busta paga per le ultime quattro mensilità di quest’anno. Una somma che va dai 50 ai 70 euro.