Un nuovo bonus da 150 € per le famiglie con i figli | Tutto quello che c’è da sapere per ottenerlo

L’assegno unico da 150 euro è un provvedimento introdotto dal Governo, rivolto alle famiglie con figli piccoli

Le famiglie che non hanno ancora fatto domanda per ottenere l’Assegno unico devono affrettarsi se non vogliono perdere gli arretrati accumulati finora. Ecco tutto quello che c’è da sapere per ottenere il bonus da 150 euro.

Bonus per le famiglie con figli (fonte web) (1)
Bonus per le famiglie con figli (fonte web)

L’assegno unico da 150 euro è un provvedimento introdotto dal Governo, rivolto alle famiglie con figli da 0 a 3 anni di età si sostanzia in un contributo atto a finanziare l’acquisto di pannolini lavabili da utilizzare per il nuovo nato. 

Quest’ultimo passaggio va sottolineato. Perché il provvedimento non è solo un incentivo per aiutare le famiglie. Ma è anche un modo per incoraggiare l’uso dei pannolini lavabili, che sono più salutari per il bimbo e proteggono maggiormente l’ambiente, dato che non generano quantità importanti di immondizia, come accade per i pannolini monouso.

Più che un bonus in sé, stiamo parlando, come spesso accade in questi casi, di una agevolazione. In questo caso, uno sconto sulla Tari, la tassa comunale sui rifiuti. Essendo quindi uno sgravio su una tassa comunale, le famiglie interessate al Bonus da 150 euro devono, poi, risiedere nel Comune dove si richiede l’agevolazione. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Come ottenere il bonus

Solo presentando la richiesta all’Inps entro il 30 giugno, i nuclei con figli possono infatti avere diritto alle mensilità non godute a partire da marzo, mese dell’entrata in vigore del nuovo sostegno. Se invece le domande verranno presentate a partire dal primo luglio, l’Assegno partirà solo dal mese successivo.

Assegno unico (web source) 4.7.2022 direttanews
Assegno unico (web source)

Come spiegato dall’Inps, “chi non ha ancora presentato la domanda per l’Assegno unico e universale ha tempo fino al 30 giugno per ottenere anche il riconoscimento delle mensilità arretrate spettanti a decorrere da marzo. Dopo il 30 giugno l’Assegno decorrerà dal mese successivo a quello di presentazione della domanda senza più diritto agli assegni arretrati”.

Presentando domanda a luglio, quindi, l’Assegno che spetterà dal mese di luglio sarà pagato ad agosto. Sul sito web dell’Istituto è disponibile un simulatore per calcolare l’importo spettante, determinato sulla base dell’Isee. Per chi non presenta l’Isee è previsto comunque un Assegno minimo di 50 euro al mese per figlio. Per inoltrare la domanda è sufficiente accedere al sito www.inps.it o rivolgersi ai Patronati o al Contact Center dell’Istituto.

Il bonus sarà riconosciuto sull’acquisto di minimo 20 pannolini. Per cui vi consigliamo di conservare gli scontrini che provino l’avvenuto acquisto.