Checco Zalone, sapete cosa faceva prima di diventare un comico? Di questi tempi sarebbe stato comunque un milionario

Checco Zalone è uno dei comici italiani più apprezzati dal pubblico. Ogni sua uscita cattura l’interesse dei suoi fan che assistono ai suoi spettacoli esilaranti. Oggi è un attore affermato, ma non potete immaginare cosa faceva prima di diventare un comico. Aveva una professione che in questo periodo gli avrebbe assicurato guadagni stratosferici.

I suoi sketch ai limiti del cinismo nascondono un’arguta intelligenza che vuole attaccare la mentalità bigotta e chiusa di molte persone. Checco Zalone porta in scena spesso personaggi ignoranti che vivono dietro a stereotipi e frasi fatte.

Checco Zalone (fonte web) direttanews.it
Checco Zalone (fonte web)

Si chiama Luca Pasquale Medici, in arte Checco Zalone proprio per riportare il suo stile di recitazione anche nel nome. Cozzalone in pugliese significa tamarro e quindi il suo è un gioco di parole che parte dal nome e arriva ai personaggi che porta in scena.

In realtà Checco è un ragazzo che è cresciuto in una famiglia umile, ma seria, con il papà agente farmaceutico e la mamma casalinga. Dopo essersi diplomato al liceo scientifico è riuscito a laurearsi in giurisprudenza, ma subito capisce che la sua strada non è quella e si appassiona alla musica seguendo l’esempio del papà. Come molti protagonisti dei suoi film ha cercato da giovane di partecipare a numerosi concorsi pubblici, ma non è riuscito mai a superarne uno.

Fin da giovanissimo, infatti, il talento del futuro comico era evidente e Checco era sempre al centro dell’attenzione di amici e parenti con i quali si divertiva a ed esibirsi in molte imitazioni, dal parroco alla maestra.

Per lui, inoltre, la musica non è stato solo un passatempo, ma una strada che ha seguito con passione fino a quando la sua professione di attore ha preso il sopravvento. Tutti noi ricordiamo il brano Siamo una squadra fortissimi diventato poi di fatto l’inno d’Italia nei mondiali di calcio del 2006 vinti a Berlino battendo la Francia.

Il lavoro insospettabile che oggi gli avrebbe fatto guadagnare molti soldi

Prima di fare strada nel mondo dello spettacolo però Luca Pasquale, in arte Checco, faceva il rappresentante di Amuchina. Sì, proprio il disinfettante che ai tempi del Covid è stato l’oggetto più ricercato. Zalone, seguendo le orme del papà girava per le farmacie pugliesi promuovendo la vendita del disinfettante, ma anche apparecchi per misurare la glicemia, cateteri, gel e medicinali di varie case farmaceutiche.

Checco Zalone fonte web direttanews.it uno (1)
Checco Zalone (fonte web)

Con il senno del poi l’attore avrebbe potuto guadagnare cifre stratosferiche poiché, proprio durante questo lungo periodo di pandemia, il settore farmaceutico é quello che è cresciuto di più economicamente. Ma il suo pubblico certamente é felice per come si è conclusa la sua storia e apprezza l’impegno che Checco mette per ogni sua produzione cinematografica.