Fiorello, nessuno immagina perché non vuole fare Sanremo | Un grande trauma dietro la scelta

Fiorello ha confermato a Sanremo, se mai ce ne fosse bisogno, di essere uno showman a tutto tondo. Lui, però, non sarà presente al Festival: ha detto di no per un motivo ben preciso.

Fiorello e Amadeus a Sanremo (fonte web)
Fiorello e Amadeus a Sanremo (fonte web)

A febbraio Amadeus sarà ancora una volta alla guida del Festival di Sanremo per la quarta edizione consecutiva, ma non potrà contare sul sostegno di Fiorello. I due avevano guidato al meglio la kermesse nel pieno del lockdown, quando avevano saputo gestire al meglio il palco pur senza la presenza del pubblico in sala, cosa che avrebbe spaventato molti ma non loro.

A dare loro forza è stata anche la loro amicizia, che permette di sostenersi a vicenda quando si trovano sul palco. Non a caso, i de hanno anche voluto trascorrere le vacanze insieme (ovviamente anche con le rispettive mogli) dando prova di un affiatamento fortissimo, che li ha portati a ribattezzarsi “gli Amarello”, sulla scia dei Ferragnez, soprannome dato a Chiara Ferragni e Fedez.

Fiorello dice no a Sanremo: il motivo è spiazzante

Poter lavorare con una persona che è anche un grande amico garantisce certamente una marcia in più e permette di dare il massimo. Ne sanno qualcosa Amadeus e Fiorello, che hanno dimostrato in un evento importante come il Festival di Sanremo quanto siano affiatati e in grado quindi di dare all’altro i tempi giusti per ogni intervento.

Chi sperava di rivederli all’Ariston nel 2023 deve però mettersi il cuore in pace. E’ stato lo stesso showman siciliano a rivelare di non voler tornare nella città dei fiori, che evoca in lui un cattivo ricordo.

All’inizio della mia carriera io mi trovavo a Sanremo con Radio Deejay, chiamavo casa e non mi rispondeva nessuno – ha raccontato in un’intervista al Corriere della Sera -. A quel punto ho chiamato alcuni parenti e mi hanno detto che mio padre stava male e mi hanno detto di tornare subito. In realtà lui era già morto. E’ per questo che oggi ho una vera ritrosia per il Festival, anche se non l’ho mai detto”.

Nonostante il tempo sia passato, lui non riesce a dimenticare le sensazioni provate in quell’occasione: “Il mare di Sanremo mi ricorda sempre le lacrime che quella sera ho versato per mio padre di cui avevo ancora tanto bisogno. Ho pensato anche di chiudere la mia carriera e non tornare più a Milano. Mi sarebbe piaciuto fargli capire quanto sono orgoglioso di quello che sono riuscito a fare. Mi sono sentito realizzato solo quando sono riuscito a comprare la casa. Mi dispiace che non abbia visto nulla di quello che ho fatto”.

I suoi prossimi progetti

Rinunciare al Festival e ad accompagnare Amadeus al Festival non porterà però Fiorello a stare fermo a lungo. Del resto, è praticamente impossibile che questo accada per uno con il suo talento.

Uno dei suoi sogni sarebbe quello di sperimentare una fascia oraria che molti artisti non amano, quella mattutina, e condurre così un morning show. “A volte sono tentato di dire “ora smetto” però lo dico ormai da troppo tempo. Non sento più quella voglia di “esserci”, però se arriva l’idea mi sveglio. Dalle 7 del mattino in poi, per me le 7 sono già mezzogiorno. Ci stiamo annusando per vedere se su Raiuno si possa fare una cosa così in un orario deputato ad altre cose, il mattino ha l’oro in bocca, visto che ormai l’età ci costringe ad alzarci presto”.

Fiorello (fonte web)
Fiorello (fonte web)

Non poteva mancare anche un ringraziamento alla sua Susanna, che si è rivelata il grande amore della sua vita, la donna che lo ha reso papà. “Dopo il successo del Karaoke ero l’uomo più famoso d’Italia, ma non ho saputo gestire quel successo, così è arrivata la depressione. Mi ha salvato Susanna, che ho conosciuto grazie a Giovanni Malagò, che ha fatto da Cupido. Oggi sono anche orgoglioso di essere riuscito a formare la mia famiglia: io, Susanna, Olivia e Angelica. Olivia è figlia del primo marito di Susanna” – ha concluso.