Dramma tra i turisti alla Reggia di Caserta: “Veniva spesso qui”

(repertorio, Polizia di Stato)

Un dramma si è consumato nella mattinata odierna nella Reggia di Caserta, dove una donna di 44 anni si è tolta la vita, lanciandosi nel vuoto. La donna, che abitualmente frequentava la biblioteca della Reggia, per fare ricerche e approfondimenti, ha aperto una finestra posta al terzo piano del monumento, che dà sul secondo cortile, quindi è volata giù per diversi metri. Il dramma si è consumato intorno alle 10:45. La 44enne, straniera ma da molti anni residente a Fuorigrotta, viene ritenuta una pratica di quei luoghi e si era recata negli uffici della Soprintendenza ai bene architettonici e artistici.

La donna, che sarebbe un architetto, stamattina è dunque uscita dall’ascensore, quindi ha attraversato il corridoio diretta verso la biblioteca. Secondo la ricostruzione dell’accaduto, però, a un certo punto, come se avesse cambiato idea, ha aperta una delle finestre del terzo piano, lasciandosi improvvisamente cadere. Restano al momento un mistero le ragioni per le quali la donna ha compiuto il gesto estremo. Tra i primi ad arrivare sul luogo del dramma c’è stato il direttore generale della Reggia di Caserta, Mauro Felicori. Quanto accaduto ha lasciato senza parole, in stato di choc e impietriti i dipendenti del monumento e i turisti di passaggio, che sono stati attirati dalla confusione dei primi soccorsi nel cortile dove giaceva il corpo della donna suicidatasi. Successivamente, la folla di curiosi è cresciuta con l’arrivo dell’ambulanza del Suem 118 e delle forze dell’ordine. In queste ore, intanto, si apprende che prosegue lentamente la riabilitazione di Concetta Candido, la donna che si era data fuoco nella sede dell’Inps di Torino a fine giugno.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM