MORENO / Droga, parla Abete: “Questa è la conferma che non poteva essere un garante. Ma non si possono mettere in connessione le due situazioni”

MORENO DROGA – ROMA, 22 SET L’arresto dell’ex arbitro ecuadoriano Byron Moreno per possesso di sei chili di eroina è «la conferma a posteriori che la qualità di Moreno come soggetto garante non gli si attagliava in modo particolare». Per il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete «non si possono mettere in connessione le due situazioni», vale a dire l’arresto di Moreno con i suoi discussi arbitraggi ai Mondiali del 2002 che furono penalizzanti per l’Italia: «sarebbe una forzatura collegare i due episodi a distanza di otto anni – dice Abete a margine della cerimonia di insediamento del nuovo presidente del Consiglio di Stato Pasquale de Lise – ma mi pare che l’ultima vicenda sia la certificazione che il percorso di Moreno come arbitro non sia stato netto», vale a dire non è stato pulito come quando in equitazione non si abbatte alcun ostacolo.

Ansa