Immagini del colpo di stato in Mali, il Capitano dell'esercito Amadou Sanogo (Getty Images)

GOLPE MALI – Sono state chiuse le frontiere del Mali. Lo hanno annunciato i militari che ieri hanno avviato un colpo di stato nel Paese africano contro il presidente Amadou Toumani Touré, ritenuto “incompetente” nel contrastare i ribelli Tuareg, che stanno mettendo a ferro e fuoco il Nord del Mali.

Le frontiere del Paese rimarranno chiuse “fino a nuovo ordine”, ha dichiarato il sergente Salif Koné, membro del Comitato nazionale per il recupero della democrazia ed il risanamento dello Stato.

Amadou Toumani Tourè è presidente del Mali dal 2002, “sta bene” ed è in un “luogo sicuro”, ha detto all’agenzia di stampa Xinhua una fonte vicina al presidente.

Da Ieri i militari occupano il palazzo presidenziale nella capitale del Mali, Bamako, sono state sciolte le istituzioni dello Stato, è stata sospesa la Costituzione ed è stato decretato il coprifuoco.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan