Lega Nord, Umberto Bossi: “Alle amministrative meglio perdere anzichè fare accordo con Berlusconi”

 

LEGA NORD – Ieri sera Umberto Bossi ha parlato dal palco di Cantù, in provincia di Como, dove fra dieci giorni si andrà alle urne per le elezioni amministrative. Obiettivo primario è quello di togliere il fango di dosso dalla Lega Nord, dopo lo scandalo scatenato dai movimenti illeciti del segretario Francesco Belsito, allontanato dalla sera alla mattina dalle file del Carroccio. E il senatur passa al contrattacco: “Noi siamo sotto attacco perchè rappresentiamo la sfida allo Stato Italiano, ma non si illuda chi pensa che la Lega scompaia… La Lega non scomparirà perche la gente pensa che il Nord, la Padania deve essere libera e non schiava di Roma”.

Difficile immaginare l’esito del voto dopo il ciclone abbattutosi sul Carroccio, ma di certo Bossi non rimpiange la mancata alleanza con il Pdl: “Penso che in certi posti perderemo, ma è meglio piuttosto che fare l’accordo con Berlusconi che tiene in piedi il governo Monti. Alla lunga la gente apprezza la coerenza”.

Intanto stamane un pentito di ‘ndrangheta sarà sentito come persona informata sui fatti nell’ambito del filone calabrese dell’inchiesta sulle distrazioni dei fondi della Lega. Luigi Bonaventura, che è stato reggente dell’omonima cosca del Crotonese, verrà ascoltato a Milano dal pm della Dda di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo. Il collaboratore di giustizia potrebbe conoscere elementi riguardanti i De Stefano, clan che avrebbe tratto vantaggio dal riciclaggio contestato all’ex tesoriere Francesco Belsito.

 

L.C.