Derivate Mps, interviene Napolitano: “Necessaria riservatezza nelle indagini giudiziarie”

Giorgio Napolitano (Getty Images)

Sullo scandalo del Monte dei Paschi di Siena, è intervenuto oggi in un intervista al direttore de Il Sole 24 Ore, Roberto Napoletano, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha lanciato un invito preciso: “La totale autonomia della magistratura nel condurre le indagini sul precedente management di MPS, come già chiarito nella nota diramata ieri dalla Procura della Repubblica di Siena, va rispettata anche evitando quella diffusione di notizie infondate che è stata questa mattina deplorata dalla stessa Procura per le sue ricadute destabilizzanti sul mercato”.

Ha detto ancora Napolitano: “Sulle critiche vicende del Monte dei Paschi di Siena si è svolta una impegnativa audizione in Parlamento che si è giustamente ritenuto necessario convocare anche se a Camere sciolte. Ha potuto così aver luogo un libero confronto politico, aperto a ulteriori sviluppi, sulla base di una puntuale relazione del ministro dell’Economia e di un’ampia nota scritta della Banca d’Italia”.

Per il Presidente della Repubblica, la nota documenta come “Bankitalia abbia esercitato fin dall’inizio con il tradizionale rigore le funzioni di vigilanza nei limiti delle sue attribuzioni di legge. E in effetti, la collaborazione che essa ha prestato e presta senza riserve alla magistratura inquirente è garanzia di trasparenza per l’accertamento di tutte le responsabilità”. L’audizione parlamentare soddisferebbe, dice Napolitano, “nel pieno rispetto delle diverse posizioni politiche, le esigenze di chiarezza fortemente sentite dall’opinione pubblica e in particolare dai risparmiatori. Ma ci si deve far guidare in ogni momento da quella consapevolezza dell’interesse nazionale che ho prima evocato”.

Conclude il Presidente della Repubblica: “So quanto possano essere importanti il ruolo e l’impulso della stampa per far luce su situazioni oscure e comportamenti devianti. Sono altrettanto fermamente convinto che va salvaguardato il patrimonio di credibilità e di prestigio, anche fuori d’Italia, di storiche istituzioni pubbliche di garanzia, insieme con la riconosciuta solidità del nostro sistema bancario nel suo complesso”.

 

Redazione online