Conferenza stampa Letta-Merkel: “Crescita e competività, non solo consolidamento dei conti”

Angela Merkel con Enrico Letta (Getty Images)

“Questo è il momento in cui in Europa ci sono molte sfide da affrontare, ringrazio l’ex premier Mario Monti per la collaborazione costruttiva, faremo lo stesso con Enrico Letta, al quale vanno i miei complimenti per aver ottenuto la fiducia. Grazie anche a Napolitano per aver contribuito alla formazione del governo presieduto da Letta”, così la cancelliera tedesca Angela Merkel ha introdotto la conferenza stampa congiunta tenuta a Berlino insieme al premier italiano Enrico Letta.

Ha poi proseguito la Merkel: “Il consolidamento dei conti non esclude la necessità di crescita e competività. Dobbiamo investire sugli sgravi fiscali, sugli investimenti privati e sull’aumento dell’occupazione”. Ha affermato ancora la cancelliera: “Riforme strutturali, creazione di posti di lavoro, aumento di competività sono argomenti già trattati con gli altri partner europei”.

Il neo premier Enrico Letta ha invece esordito: “Ringrazio la Cancelliera per le sue parole. Abbiamo ottenuto un voto di fiducia largo dopo una discussione molto intensa, al termine di due mesi di faticosa crisi politica. Il nostro impegno è quello di continuare sulle politiche di risanamento e di mantenimento delle politiche comunitarie”. Secondo Letta, per frenare le derive antieuropeiste e la crescita di movimenti che portano avanti certe istanze, “non può essere sottovalutato il messaggio arrivato dall’elettorato italiano, dobbiamo lavorare perché l’Europa debba essere vista come foriera della crescita e della competività globale”.

Per il premier italiano “questo è un governo politico, che vuole usare tutta la forza politica per lavorare in due direzioni: ristabilire la fiducia nella politica e nelle istituzioni, dare fiducia a tutti gli italiani in difficoltà. La grande crisi non ha trovato soluzioni sufficienti perché non c’è stata abbastanza Europa. Necessaria una forte intesa tra Germania e Italia, con la loro tradizionale vocazione federalista”.

Poi Letta ha affermato: “Unione bancaria, economica, fiscale e politica sono gli obiettivi prioritari che si porrà l’Italia e il mio governo. Facendo più Europa saremo in grado di dare soluzione ai nostri problemi. O noi europei facciamo massa comune, massa critica, oppure non ce la faremo”.

“Vogliamo un’Europa che metta accanto alla determinazione per evitare di contrarre debiti, una forte determinazione per aumentare la crescita e la competività. Tutte le decisioni prese lo scorso anno dal Consiglio Europeo vanno applicate”, ha detto ancora Letta. Poi una battuta: “Stasera saremo a cena e chiederò consulenza alla signora Merkel su come si guida una grande coalizione”.

 

Redazione online