Sicilia: i No Muos si arrampicano sulle antenne per protesta

Membri del Comitato No Muos (screnshot youtube)

Il movimento No Muos che a Niscemi e dintorni sta protestando e lottando contro la costruzione di alcune antenne militari all’interno di una base statunitense che si trova su territorio siciliano. Proprio nel corso di queste ultime ore un gruppo di attivisti interni al movimento ha effettuato un blitz ed ha occupato una parte del campo militare arrampicandosi su alcune antenne tra quelle a più bassa intensità di frequenza.

I manifestanti – 8 in tutto – si sono introdotti all’interno della base quando erano circa le 19:00 del pomeriggio di ieri. Ognuno di loro si è indirizzato verso un’antenna e l’ha scalata portando con sé tutta l’attrezzatura necessaria per poter trascorrere la notte in quel posto insolito.

Gli attivisti hanno dormito all’interno di alcuni sacchi a pelo e utilizzando il supporto di un’amaca che è stata legata tra i fili dell’alta tensione. La polizia, per il momento, si trova all’interno del campo, ma non è intervenuta in maniera forte per cacciare i manifestanti dal posto.

La causa degli otto coraggiosi che si sono arrampicati sulle antenne è supportata da centinaia di altri cittadini appartenenti al movimento No Muos che protestano da terra, non lontano da dove i loro compagni hanno effettuato il blitz.

I No Muos chiedono che venga accantonato il progetto dei militari americani di innalzare una serie di antenne che dovrebbero aumentare la sorveglianza nella zona attraverso una serie di onde radar.

 

Redazione online