Roma blindatissima per l’arrivo del presidente Obama

Arrivo del segretario di Stato Usa John Kerry a Ciampino, Roma (Getty images)
Arrivo del segretario di Stato Usa John Kerry a Ciampino, Roma (Getty images)

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama nella sua tournée di visite ufficiali in Europa arriverà questa sera a Roma dopo la sua tappa a Bruxelles, nella quale incontra oggi i rappresentanti dell’UE e della Nato: una città eterna blindattissima con sei zone rosse, oltre mille agenti dispiegati per le vie, una cinquantina di uomini ombra dei servizi segreti in borghese sparsi tra i turisti e una capitale in massima allerta.

E’ questo lo scenario di Roma dove è già arrivato il segretario di Stato John Kerry che accoglierà questa sera il presidente Obama che arriverà a Fiumicino a bordo dell’Air Force One. Obama sarà poi scortato a Villa Taverna, la residenza dell’ambasciatore Usa in Italia, John Phillips.

Domani il presidente si recherà in Vaticano con un imponente corteo presidenziale di 26 auto e 8 moto, e incontrerà per la prima volta Papa Francesco.
Seguirà il colloquio al Quirinale con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e infine nel primo pomeriggio incontrerà il premier Matteo Renzi a Villa Madama, da dove i due leader parteciperanno ad una conferenza congiunta.

Ma Obama approfitterà dello scalo romano per visitare uno dei più importanti monumenti della capitale: infatti, nel pomeriggio prima di ripartire il presidente visiterà il Colosseo che sarà chiuso al pubblico per l’occasione.

Il segretario di stato Kerry invece prenderà parte ad un evento sull’Expo di Milano, previsto nella giornata di giovedì pomeriggio in ambasciata americaba, con il commissario Giuseppe Sala. Con molte probabilità, il segretario di Stato potrà anche tenere dei colloqui con interlocutori mediorientali per il processo di pace e della Siria.

I due leader ripartiranno alla volta dell’Arabia Saudita, dove è in programma un incontro con il re Abdullah bin Abdulaziz Al-Saud.

Redazione