Plant-e, società olandese: pronto un sistema per prendere elettricità dalle piante

risparmiare-sullenergia-elettrica

Una società olandese, la Plant-e, legata al dipartimento di tecnologia ambientale dell’università di Wageningen, sta lavorando dal 2009 ad un ambizioso progetto grazie al quale sarebbe possibile ricavare energia elettrica dalle piante.

L’azienda ha elaborato finora un sistema ottimizzato per le risaie, ma secondo quanto riferiscono i ricercatori sarebbe applicabile a qualunque terreno e potrebbe essere sfruttato anche per prendere energia da campi contaminati o da colture non alimentari.

Il meccanismo di funzionamento è piuttosto semplice e non danneggia in alcun modo la crescita della pianta né è rischioso per l’ambiente: si basa sul fatto che, durante la fotosintesi clorofilliana, le materie organiche prodotte non finiscono tutte ad alimentare il vegetale, ma una parte di queste viene scartata ed espulsa nel terreno attraverso le radici. Qui, dei microrganismi consumano queste sostanze e producono elettroni come scarto. Tramite degli elettrodi questi “scarti” possono essere assorbiti e utilizzati per produrre elettricità. Il grande vantaggio di questa tecnologia sarebbe quello di poter creare un valore da aree che altrimenti non sarebbero più in alcun modo produttive.

Redazione