Benzina: pronto un nuovo rincaro, ce lo chiede Bruxelles

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38
(websource/archivio)

L’Italia “vanta” un primato europeo molto particolare: è il Paese in cui un pieno di carburante costa di più, ma evidentemente ciò non basta. Infatti, dopo i rincari dei mesi scorsi, il governo si prepara a un nuovo ritocco per ottemperare alle richieste di Bruxelles riguardanti i nostri conti pubblici. Il nuovo rincaro si dovrebbe aggirare intorno ai due centesimi al litro: questo aumento garantirebbe allo Stato italiano un gettito di ben 800 milioni di euro. Si tratta in ogni caso di un aumento che potrebbe essere scongiurato se ci fosse un incremento del Pil rispetto al +0,8% registrato nella nota di aggiornamento del Def.

Altro primato tutto italiano è quello del pieno benzina mensile più caro d’Europa, un record legato principalmente alle elevate tasse e accise, da sempre vero nodo e argomento di discussione rispetto a quello che è il costo del carburante nel nostro Paese. A evidenziare questi dati è lo studio “Car Cost Index” di LeasePlan, condotto in 24 Paesi europei, che ci mette al secondo posto, dietro la Norvegia, anche per i costi di possesso delle auto a benzina.

Si legge nello studio condotto da LeasePlan: “Sulla base di un chilometraggio annuale di 20mila chilometri, la spesa media per la benzina in Europa è di 100 euro al mese, mentre vengono spesi 67 euro per il gasolio. L’Italia si situa al primo posto con 136 euro mensili per i veicoli alimentati a benzina. Con soli 54 euro al mese, invece, i conducenti della Russia possono godere del pieno più economico, grazie alle notevoli riserve petrolifere della nazione. Il Paese meno costoso per il diesel è invece la Polonia, con 49 euro al mese”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM