Bimbo di 6 anni nato senza braccia diventa un campione di nuoto

nato senza braccia
(Source: AP Photo/Amel Emric)

Nato senza braccia e con un piede deformato, Ismail Zulfic non ha avuto una vita facile. Vive in Bosnia, dove chi nasce con delle disabilità deve affrontare la carenza di servizi e l’emarginazione. Il nuoto ha però salvato la vita di questo coraggioso bambino. Grazie alle lezioni di nuoto per bambini disabili, Ismail sta trovando un motivo per andare avanti – facendo qualcosa che ama. Inizialmente il piccolo era terrorizzato dall’acqua. I suoi genitori lo portarono ad una lezione di nuoto gratuita chiamata Spid, creata da Amel Kapo, un neolaureato in educazione fisica che voleva fornire supporto a bambini disabili, dimostrando loro cosa erano capaci di fare.

“Certo, i loro corpi possono essere diversi”, ha detto Amel, “ma dando loro l’opportunità di mettersi alla prova, capiranno da soli come usarli”. “Il mio obiettivo era quello di portare i bambini disabili all’aria aperta”. Amel ha aiutato il piccolo Ismail a superare la paura dell’acqua, così come le sue limitazioni fisiche, insegnandogli a nuotare. I suoi genitori sono molto poveri e possono a malapena permettersi di accompagnare il figlio due volte a settimana alle lezioni di nuoto, quindi Spid li aiuta a pagare la benzina e il costo dell’attrezzatura di modo che Ismail possa continuare a imparare. Ismail ha vinto una medaglia d’oro in una competizione regionale per nuotatori disabili e spera di competere nei Giochi Paralimpici di quest’anno. I suoi risultati hanno catturato l’attenzione della Swim Strong Foundation, un’organizzazione benefica di New York, il cui fondatore, Shawn Slevin, è andato a Sarajevo per allenare Ismail e altri ragazzi. “Quando bambini disabili vedono che possono vivere come chiunque altro, il loro livello di autostima sale”, dice Shawn, “dopodichè non c’è niente che non possano fare”.

Lavinia C.