Crede siano i ladri e spara: era il figlio

Il padre omicida (Websource/archivio)

Incredibile dramma famigliare a Sedalia, in Colorado. Frank Leon Huner, 58 anni, ha sentito degli strani rumori in casa sua. Erano le 22.15 circa e lui era sicurissimo che ci fossero i ladri in casa sua. Per questo motivo ha immediatamente preso la pistola dal cassetto in cui la custodiva e senza farsi sentire è sceso dalle scale. Giunto a pochi passi dall’intruso non ci ha pensato due volte ed ha esploso due colpi uccidendolo all’istante. A quel punto gli si è avvicinato e solo in quel momento ha fatto la terribile scoperta. Il presunto ladro, l’uomo al quale aveva appena sparato non era altro che il figlio Nicholas, 33 anni.

In quel folle momento di disperazione ha anche compreso che suo figlio era morto, per lui non c’era più nulla da fare. Dopo qualche minuto il 58enne ha telefonato alla polizia spiegando di aver appena ucciso per sbaglio il figlio. Gli agenti della Contea di Douglas giunti immediatamente sul posto hanno arrestato l’uomo con l’accusa di omicidio di secondo grado. Il portavoce della polizia ha specificato che non ci sono dubbi in merito alla versione dei fatti fornita dell’uomo, ma ha anche sottolineato come l’arresto e la formulazione dell’accusa di omicidio fossero dei passaggi formali obbligati anche se la legge del Colorado prevede la possibilità di sparare e uccidere chi si introduca furtivamente in casa.

Frank Leon è stato poi rilasciato dietro pagamento di una cauzione da 50mila dollari, ma una volta tornato a casa per lui l’incubo era solo all’inizio. La casa nella quale aveva cresciuto il suo Nicholas era diventata ora il luogo in cui lui stesso lo aveva ucciso.

F.B.