Crollo Torre Annunziata: l’ultima vittima è un bambino di 8 anni

Websource/Archivio

Il Crollo del palazzo a Torre Annunziata ha causato la morte di 8 persone, tra queste il piccolo Salvatore, estratto questa mattina dalle macerie insieme alla sorella Francesca. Dopo il crollo della palazzina, un residence creato per le vacanze estive in cui vivevano in pianta stabile diverse famiglie, i vigili del fuoco si sono messi subito all’opera per scavare tra le macerie e salvare quante più vite possibile. Le speranze però si sono rivelate vane già durante la notte: i soccorritori confidavano nella formazione di bolle d’aria tra le macerie che permettessero alle persone intrappolate di restare in vita, ma nel corso degli scavi notturni sono state estratte 5 persone, tutte prive di vita (molto triste la storia del giovane Marco appena rientrato a casa quando si è verificato il crollo).

Nelle prime ore di questa mattina è stato estratto l’ultimo corpo, si trattava di Salvatore (8 anni). Come spesso accade dopo il verificarsi di queste tragedie, il ritrovamento del piccolo Salvatore ha suscitato una forte commozione tra i presenti: il bambino, di soli 8 anni, si trovava a casa con la famiglia e prima del crollo era in compagnia della sorella Francesca (estratta poco prima). Durante la notte erano stati estratti i corpi dei suoi genitori, Pasquale e Anna Guida.

Sul crollo della palazzina è già stata aperta un’inchiesta per omicidio plurimo e disastro colposo, le attenzioni degli investigatori sono per il momento rivolte ai lavori in corso che stavano effettuando alcuni inquilini nei loro appartamenti, ma per il momento non risultano indagati.

F.S.