“Ho vinto alla lotteria”, ma non era vero. Oggi il tragico epilogo – FOTO

Susanne Hinte, che ha tentato di richiedere una vincita al Lotto da 33 milioni di dollari sostenendo di aver messo il biglietto nella lavatrice, è morta. La 49enne, secondo quanto si apprende, ha avuto un attacco cardiaco a casa sua, lunedì pomeriggio. L’anno scorso la nonna di quattro nipoti, conosciuta dagli amici come Sanne, ha contattato un’agenzia affermando di avere il biglietto vincente di una lotteria, ma di averlo messo in lavatrice, tant’è che non si vedevano né data né codice a barre. Aveva affermato di aver vinto la metà del jackpot da 66 milioni di sterline nell’estrazione del 9 gennaio nel 2016. La donna aveva raccontato che il biglietto vincente era stato acquistato a Worcester.

La versione di Susanne Hinte era stata smentita dal vero vincitore della lotteria, giunto col biglietto vincente. Quando si era appreso che il biglietto era stato venduto a Worcester, la donna si era fatta avanti, ma non era stata creduta. Insieme a lei, anche altre persone avevano sostenuto di essere i detentori del biglietto vincente, ma nel caso di Sanne c’era dalla sua il fatto che avesse quel tagliando malconcio dopo essere finito in lavatrice. La donna, che viveva col figlio in un quartiere residenziale, da tempo soffriva di insufficienza cardiaca.

Il suo agente Barry Tomes ha detto: “Aveva molti nemici, ma era una donna molto talentuosa e creativa e questa è una notizia molto triste e i miei pensieri sono con la sua famiglia. Qualunque cosa sia successa in passato, nessuno merita di morire in così giovane età”. La morte di Susanne Hinte è stata confermata dalla polizia, mentre un vicino della donna si è detto “rattristato” dalla notizia. Il portavoce dell’ambulanza di West Midlands ha dichiarato: “Possiamo confermare che siamo stati chiamati a intervenire per una donna in arresto cardiaco in una proprietà di Borrowdale Drive, Worcester, alle ore 5.35 di lunedì”.

Sanne però era già deceduta per arresto cardiaco ed è stata smentita subito l’ipotesi del suicidio. Lo scorso anno, la donna aveva detto di essere sconvolta per tutto l’odio intorno a lei. Un suo vecchio amico era arrivato a vendere ai giornali delle foto della donna in lingerie e per questo era stato denunciato e condannato. Negli ultimi tempi, la donna era stata colpita da un lutto: aveva infatti perso un nipote, figlio del figlio Brandon, con il quale condivideva la casa.

GUARDA FOTO

GM