(Websource / archivio)

Sbattuta fuori di casa dopo un banale litigio e abbandonata di notte per strada, sola e al freddo e al gelo. Questa la “disavventura” di cui è stata protagonista -e soprattutto vittima – un’anziana di 76 anni lo scorso 21 dicembre a Gattatico (Reggio Emilia), quando il termometro segnava -3°. La poveretta è stata prima messa alla porta, con tutte le sue cose, dalla figlia 53enne presso la quale abitava, e poi lasciata per strada dall’altro figlio 46enne, il quale le aveva promesso che sarebbe passato a prenderla con la sua macchina. E’ stato fortunatamente un vicino ad allertare il 118 e prendersi cura di lei, dopo un’ora di inutile (e gelida) attesa per l’anziana, che oltretutto ha difficoltà motorie. Ma nessuno si è fatto vivo in ospedale per riportarla a casa.

Il vicino di cui sopra l’ha soccorsa accogliendola in macchina e riscaldandola con delle coperte, dopo di che ha chiamato i soccorsi, e le ha fatto compagnia finché sul posto non è giunta un’ambulanza. Al termine degli accertamenti di rito in ospedale, per la donna è stato deciso un “ricovero sociale”, dal momento che nessun familiare si è presentato al momento delle dimissioni. Solo in un secondo momento i Carabinieri di Gattatico, dopo molti tentativi, sono riusciti a convincere un terzo figlio dell’anziana a occuparsi di lei. Gli altri due figli sono stati invece denunciati per abbandono di incapace.

EDS