Mondiali di scherma, le ragazze del fioretto solo d’argento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20

Nemmeno le imbattibili ragazze del fioretto femminile riescono a portare l’oro all’Italia ai Mondiali di scherma a Budapest. Una finale beffa premia la Russia.

I Mondiali di scherma rimangono stregati per l’Italia, tradita anche dalle donne del fioretto. Certo, è arrivato un argento che va a sommarsi ai sei bronzi conquistati fino ad oggi. Ma questa è un’arma nella quale le azzurre da trent’anni dominano e la maledizione continua. Pensando che tra un anno quasi esatto sarà tempo di Olimpiadi a Tokyo, ci sarà molto su cui lavorare per lo staff azzurro.

La finale del fioretto femminile a squadre ai Mondiali di scherma sulla pedana di Budapest è stata un remake di quanto già visto spesso di recente: Italia-Russia è un po’ come Italia-Germania nel calcio e quasi sempre ci ha detto bene.

Questa volta invece no, anche se con molte recriminazioni. É finita 43-42 al minuto supplementare e con un cartellino rosso preso da Elisa Di Francisca a 6 secondi dalla fine quando la jesina era finalmente riuscita a portare in vantaggio le azzurre per quello che sembrava il vantaggio decisivo e un oro da portare a casa.

Dall’altra parte però c’era Inna Deriglazova che da quattro anni non sbaglia un assalto: tre ori Mondiali di scherma e quello olimpico a Rio nell’individuale fanno di lei la nuova Valentina Vezzali, anche se ne nostre non valgono meno.

Leggi anche: Scherma, Montano e il Mondiale a 41 anni: “E punto a Tokyo 2020”

Mondiali di scherma, Italia senza ori

L’ultimo assalto nella finale del fioretto a squadre femminile lo ha perso Elisa Di Francisca. Ma se Alice Volpi è stata di gran lunga l’MVP della giornata in casa Italia, molto di più potevamo aspettarci da Arianna Errigo. La 31enne monzese, bronzo nella gara individuale, contro la Russia è stata spesso sotto senza mai fare la differenza. E da qui a Tokyo dovrà cambiare marcia.

Hanno chiuso la loro avventura ai Mondiali di scherma anche i ragazzi della spada: Andrea Santarelli, Marco Fichera, Enrico Garozzo e Gabriele Cimini sono finiti al quinto posto dopo dopo aver perso ad un passo dalla semifinale contro l’Ucraina.

In numeri dicono che complessivamente l’Italia ha sempre vinto almeno un oro mondiale negli ultimi 32 anni. Domani toccherà alla squadra di fioretto maschile e sciabola femminile spezzare questo incantesimo.

F.D.