Serie A 2019/20, il Ct Mancini: “Ecco il mio pronostico”

Serie A 2019/29, Roberto Mancini già si sbilancia. Ecco il pronostico del commissario tecnico della nazionale in vista del debutto del nuovo campionato 

Serie A 2019/20, parla Roberto Mancini. Il Ct della nazionale commenta il nuovo campionato che partirà sabato prossimo, e c’è subito un pronostico secco: “La Juve in assoluto è la più forte, non dimentichiamo che vince da otto anni e si è pure rinforzata: anche l’Inter, ma la Juve non è stata ferma. E come vice Juve vedo pericoloso il Napoli: ha gli stessi giocatori che ormai giocano insieme da anni, mentre l’Inter ne ha già cambiati 4-5 e perde giocatori importanti come Icardi e Perisic. Andrà valutata dopo un po’ di tempo, ma di sicuro sta migliorando. Per ora metto in fila Juve, Napoli e Inter”. 

Si passa poi ad alcuni singoli importanti per la sua Italia. Come Federico Chiesa alla fine rimasto a Firenze: “Chiesa è giovane. È fondamentale che i ragazzi giochino, tutti: se poi qualcuno ha la fortuna di farlo anche in Europa, tanto meglio. Quello che conta davvero è che nel frattempo siano diventati pilastri delle proprie squadre: due anni fa non lo erano, oggi sì. Questo li deve far maturare”.

Serie A 2019/20, parla il Ct Roberto Mancini

Nuova vita, invece, per Stefano Sensi e Niccolò Barella: “Sono due giocatori straordinari, e sottolineo straordinari. Li ho visti decollare, di partita in partita. Lo devono diventare: primo perché sono italiani, poi perché sono bravi tecnicamente e possono fare tutti tre i ruoli di centrocampo. Anzi: lo diventeranno sicuramente”. 

Il commissario tecnico punta tanto su un suo pupillo, Federico Bernardeschi: “È ora che Berna faccia il salto, diventando un perno della Juve. Ha tecnica, forza, velocità per diventare imprescindibile. Anzi, per diventare uno dei migliori giocatori europei: è il momento, ha le qualità per riuscirci. Attaccante esterno, falso centravanti, mezzala in una squadra più offensiva: può fare tutto. E anche se gioca più spesso in un ruolo, non è detto che in Nazionale non ne possa fare un altro: sempre offensivo, ovviamente”.

Tiratina di orecchie, invece, per Mario Balotelli prossimo alla firma col neo promosso Brescia: “Il paradosso è che a 29 anni, e per il secondo anno di fila, a meno di dieci giorni dall’inizio del campionato non avesse ancora la certezza assoluta di una squadra. Non ha fatto una preparazione, non si è allenato regolarmente: deve riflettere, non è normale. Non era questione di Italia o di Brasile, ma di trovare una squadra, finalmente. E se sarà una buona soluzione non dipenderà dal Brescia, ma da lui: magari giocando più vicino a casa si sentirà più tranquillo, ma non basterà. Io gli voglio bene, ma per lui non posso fare più niente: deve pensare che è nel pieno della sua carriera e che ha ancora tanto da dare. Se vuole”. 

Infine l’Italia. La nazionale scenderà in campo il 12 ottobre per la sfida con la Grecia all’Olimpico di Roma: “Speriamo sia la partita del pass per l’Europeo: sogno un Olimpico pieno di tifosi della Nazionale com’era ai tempi di Italia ‘90, quando c’era la gioia di avere la Nazionale a Roma. Dove fra l’altro, se ci qualificheremo, si giocherà anche la partita inaugurale”.

 

P.C.

 

 

Leggi anche: Asta Fantacalcio, le formazioni tittolari di Serie A – GRAFICO