Bari, trovati farmaci rubati per 830mila euro: ecco quanto successo

Bari, trovati in una Villa i farmaci rubati per un valore di 830mila euro

Trovati farmaci chemioterapici nel patio di una villa in disuso nel rione Santo Spirito di Bari, a riportare la notizia è l’ANSA. Ad allertare i poliziotti è stato il proprietario stesso dell’immobile. Il materiale, del valore di 830mila euro, era frutto di una rapita compiuta il 17 maggio del 2018 ai danni di un autotrasportatore di una ditta farmaceutica del posto. L’uomo fu rapinato da alcuni uomini armati a bordo di un’Audi A6 mentre con il suo autoarticolato viaggiava sulla SS16 direzione Foggia, all’altezza dello svincolo per Trinitapoli.

Ad intervenire stamane anche i rappresentanti dell’azienda che hanno recuperato i farmaci che, a causa del deperimento subito, dovranno essere smaltiti. In corso le indagini per individuare i responsabili.

Farmaci, linee guida per lo smaltimento

I farmaci, che siano scaduti o meno, non può essere gettato in una semplice busta dell’immondizia. Richiede infatti una procedura molto precisa, con linee guida e normative che lo regolamentano. Devono essere conferiti negli appositi cassonetti per la raccolta dei farmaci scaduti, presenti nelle farmacie, i seguenti elementi:

  • sciroppi
  • pastiglie e compresse
  • flaconi con residui di medicinale
  • pomate
  • fiale per iniezioni
  • disinfettanti
  • siringhe, facendo attenzione a coprire l’ago con il suo cappuccio

Si possono invece gettare nella raccolta differenziata, le confezioni dei farmaci, il foglietto illustrativo e il blister vuoto.

Per quel che riguarda invece i prodotti sanitari per le attività ospedaliere o ambulatoriali, si parla di rifiuti sanitari e non urbani pericolosi. Il loro smaltimento è regolamentato dal Decreto del Presidente della Repubblica del 15 luglio 2003, n. 254. “I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto e lo smaltimento”.

Leggi anche—> OSPEDALE REGINA ELENA, CICCIARELLI SCRIVE A ZINGARETTI PER I TAGLI

M.D.G