Tennis, Matteo Berettini riscrive la storia al Masters: batte Thiem e chiude in bellezza

Tennis, Matteo Berettini riscrive la storia: è il primo italiano a vincere una partita nelle finali dei Masters. In serata Federer ha eliminato Djokovic.

Tennis, Matteo Berettini riscrive la storia: dopo 41 anni aveva riportato l’Italia ai Masters. Ma prima di lui sia Adriano Panatta che Corrado Barazzutti non avevano mai vinto una partita. Ci è riuscito il 23enne il romanoche nell’ultimo match del giroine ha piegato 6-6 6-3 l’austriaco Dominic Thiem in 76 minuti.

Certo, Thiem è arrivato alla partita un po’ scarico perché aveva già la qualidficazione in tasca. Ma il bilancio parlava a suo fabore (2-1 a suo favore) e vincere aiuta sempre a vincere. Invece Berrettini, che pure non aveva più nulla da chiedere ad una stagione fantastica, ha voluto dimostrare di essere presente per meriti.

Matteo a marzo era numero 59 al mondo, ora chiuderà entro i primi dieci ma sa di poter fare ancora qualcosa in più. Intanto qui ha vinto altri 370mila euro e ha accimulato 200 punti in classifica più di quelli che aveva prima di domenica. Il suo bilancio è molto positivo Prima dell’inizio della settimana, io e il mio team abbiamo parlato un po’ e ci siamo detti di goderci questa settimana. Arrivare qui non era un obiettivo ad inizio 2019, ma anche prima degli US Open non mi aspettavo una cosa del genere”. Poi, intervistato da Sky Sport si è dato un voto: “Alla stagione darei 8. Potevo fare di più ma sono stato bravo. Adesso mi concentrerò sulla Coppa Davis, poi un paio di settimane di vacanza”.

Tennis, Matteo Berettini storia Masters
Tennis, Matteo Berettini riscrive la storia al Masters: primo italiano a vincere al Masters (Getty Images)

Leggi anche: Matteo Berrettini alle ATP Finals, un italiano ai Masters 41 anni dopo

Matteo Berrettini eliminato come Djokovic, Federer nello spareggio lo fa fuori

Matteo Berrettuini si ferma prima della semfinale al Masters di Londra. Ma lo stesso destino è toccato a Nole Djokovic, eliminato dopo aver perso 6-4 6-3 contro Roger Federer. Partita a senso unico, chiusa in 1h13′. Il serbo non chiudeva così presto da otto anni e soprattuitto con questa sconfitta spalanca le porte a Rafa Nadal che chiuderà il 2019 come numero uno al mondo.

Federer si è in parte vendicato della sconfitta nella finale di Wimbledon, ancche se sono passato quattro mesi esatti. Lo svizzero ha giocato una partita quasi perfetta, ha giocato oltre l’80% di punti con la prima palla e commesso pochissimi errori. Sul’altro fronte Djokovic ha mostrato una condizione non ottimale e si p arreso in fretta. E ora per Fedferer si prospetta la sedicesima semfijnale in carriera nel Masters.