Afghanistan, metà esercito fa uso di droghe

L’esercito afgano “ha perso” almeno il 60% delle sue forze combattenti nell’offensiva nella provincia di Helmand, secondo fonti militari francesi.
Scrive oggi il settimanale satirico francese Le Canard Enchainee, solitamente molto ben informato, che alcuni rapporti militari destinati al presidente francese Nicolas Sarkozy indicano come l’esercito afgano sia di fronte a una vera e propria emorragia di forze: non si tratta tanto di morti, quanto di soldati feriti, di disertori o dimissionari.
E le informazioni raccolte sulla polizia afgana non sono più lusinghiere: oltre la metà delle reclute fa uso di droga, scrive il settimanale, e appena il 10% viene respinto. I soldati francesi danno notizia di diserzioni, corruzione, alcolismo e violenze dei poliziotti ai danni della popolazione civile.
Inoltre, “oltre un quarto delle squadre registrate sono composte da poliziotti fantasma”, il che consente al capo locale di intascare la loro paga.

Aduc