Grande Fratello. Gabriele Belli scrive una lettera aperta a Maicol Berti

Ricordate i primi giorni di Grande Fratello 10? I concorrenti erano tanti, e il caos regnava sovrano nella casa più spiata d’Italia. Eppure i produttori del reality sono riusciti a calamitare l’attenzione sul programma grazie ad un ingegnoso (e moralmente dubbio) espediente: la caccia al trans.

Sì perché l’annuncio che tra i concorrenti maschi ce ne fosse uno nato donna aveva scatenato un putiferio. Sul web si aprivano gruppi di discussione, si pubblicavano foto dei concorrenti in pose ambigue, si facevano ipotesi, si aprivano scommesse… Poi, ecco la rivelazione: il trans era Gabriele Belli, nato Elettra. Lo stesso Gabriele ha fatto outing all’interno della casa, lasciando di stucco i suoi coinquilini.

Poi, una volta eliminato, il gieffino si è dato da fare per diventare uomo al 100% e si è sottoposto all’operazione che gli ha permesso di barrare la casellina M anche sulla carta d’identità. Ora Gabriele sta organizzando il matrimonio con la sua fidanzata e sogna anche un figlio.

Qualche giorno fa però ha letto una notizia su un ex coinquilino del GF che l’ha lasciato di stucco: Maicol Berti vuole cambiare sesso. Gabriele, sentendosi in dovere di fare da mentore all’amico, gli ha scritto una lettera aperta tramite il settimanale DiPiù.

Quando ho sentito che anche tu vuoi operarti, ho subito sentito un tuffo al cuore e ho pensato: ‘E’ davvero pronto Maicol, che è così giovane, per tutto questo? O sta solo giocando?’ Vorrei essere per te una guida con cui confrontarti. Vorrei semplicemente che ti appoggiassi alla mia spalla e ascoltassi quello che ho da dirti. Credo che tra coloro che vivono le medesime sofferenze ci si capisca meglio e si riesca a trovare una soluzione a tutto, anche a questo grande disagio che stai provando in questo momento.

Chissà se il buon Maicol, prima di cominciare il duro iter per diventare donna, avrà modo di ascoltare le parole dell’amico (o almeno di rispondergli ‘Grazie’ tramite un settimanale di gossip)?

Simona Redana