La nube vulcanica islandese arriva in Spagna, chiusi 16 aeroporti

Il vulcano islandese di Eyjafjallajokull, la cui eruzione nell’aprile scorso ha provocato la nube che ha paralizzato i cieli d’Europa, torna a far parlare di sé.
Il vulcano ha infatti ripreso la piena attività eruttiva, generando una nuova, enorme nube di cenere che questa mattina è arrivata sulla penisola iberica. In queste ore sono stati chiusi infatti molti scali spagnoli del nord –Santiago di Compostela, Coruna, Vigo, Santander, Burgos, Valladolid, Salamanca, Leon, Saragozza, Bilbao, San Sebastian, Vitoria, Pamplona, Eida e La Rioja. Il blocco di questi aeroporti resterà attivo almeno fino alle 18.00 di oggi.
L’ente aereo portoghese (Nav) ha poi annunciato che l’arrivo della nuvola potrebbe provocare variazioni nel traffico aereo nello scalo di Porto. La portavoce Nav Sofia Azevedo ha comunque precisato che per il momento non è prevista la chiusura dell’aeroporto.

In serata la nube di cenere dovrebbe spostarsi sul quadrante meridionale della Francia.

Tatiana Della Carità