Raoul Bova a Cannes per il film “La nostra vita”

Raoul Bova, a Cannes per la presentazione del film di Daniele Lucchetti “La nostra vita”, nelle sale venerdì 21 maggio, si racconta in un’intervista per il settimanale Gente.

Tutte le sue fans probabilmente apprezzeranno ancora di più Raoul per queste dichiarazioni: “Sono timido. Anch’io ho avuto difficoltà con le donne. Sono un malinconico, non ho una conversazione brillante e non faccio subito colpo. Per fortuna con mia moglie Chiara è stato amore a prima vista”. Continua dicendo: “Non sono mai stato uno che si fa avanti, ho sempre temuto di non piacere. Punto sulla delicatezza e gentilezza, senza pensare che la bellezza debba per forza aprire tutte le porte. Ho sempre odiato quelli che volevano far colpo con la macchina o con l’abbigliamento”.

Nel film di Lucchetti Bova interpreta la parte di un anti- sex simbol. Gli altri attori che compongono il cast sono: Elio Germano che interpreta il protagonista, l’operaio al quale muore la moglie (Isabella Ragonese) e, dopo questo drammatico evento, deve rimboccarsi le maniche affrontando la realtà. Nella parte di un ex spacciatore c’è Luca Zingaretti, irriconoscibile con i capelli lunghi, borchie e sulla sedia a rotelle. L’attore riguardo questa parte dice: ” I ruoli da cattivo sono i più interessanti, quelli che ti fanno più notare: basta pensare al grande successo di Anthony Hopkins con Il silenzio degli innocenti o di Jack Nicholson in Shining“.

Alessandra Grella