Grecia, un nuovo sciopero generale paralizza il paese

Ancora una volta, la Grecia si ferma. Oggi, infatti, il paese è paralizzato da uno sciopero generale, il quarto dall’inizio della crisi. La mobilitazione è stata indetta dai sindacati Adedy, Gsee e Pame per protestare contro la riforma delle pensioni e contro il piano di austerità imposto dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale e varato dal governo Papandreou per affrontare la situazione a dir poco difficile in cui versa il paese. I collegamenti aerei e marittimi sono dunque andati in tilt, così come il traffico ferroviario e gli uffici del settore pubblico sono rimasti chiusi.

Questa mattina migliaia di manifestanti sono scesi in piazza ad Atene. Gridando “ladri, ridateci i nostri soldi”, circa 20mila lavoratori del settore pubblico e privato hanno marciato fino alla sede del Parlamento. Altre 5mila persone hanno inoltre manifestato a Salonicco.

Tatiana Della Carità