Manovra economica, la Cgil proclama lo sciopero generale per il 25 giugno

Il leader della Cgil Guglielmo Epifani

La Cgil ha annunciato lo sciopero generale per il 25 giugno prossimo contro la manovra economica. L’astensione dal lavoro, indetta contro un provvedimento considerato “iniquo e sbagliato”, sarà di almeno quattro ore nel settore privato e di 24 ore in quello pubblico. In attesa dello sciopero generale, la Cgil ha inoltre indetto una manifestazione per sabato 12 giugno.

E, mentre Guglielmo Epifani prepara la mobilitazione, il leader della Cisl Raffaele Bonanni, all’assemblea di Confartigianato, replica invece alle accuse di subalternità al governo che gli sono state mosse da parte proprio dal sindacato guidato da Guglielmo Epifani. Con un riferimento indiretto alla Fiom, Bonanni esorta Epifani “a tenere a bada il suo infante malato, che lo sta trascinando in un gorgo non sindacale da troppo tempo”. “ La sua politica -prosegue poi il numero uno della Cisl-  è da Grecia, non non da un paese come il nostro che deve fare attenzione massima ai suoi debiti e alla sua credibilità; senza questo il paese non va avanti. Epifani dovrebbe saperlo, invece organizza manifestazioni solo per ospitare partiti”.

Tatiana Della Carità