Termini Imerese. Sciopero per difendere un precedente sciopero

I lavoratori di Termini Imerese hanno scioperato per un’ora per manifestare contro le parole di Marchionne. L’amministratore delegato del lingotto aveva accusato i lavoratori siciliani di aver scioperato lunedì scorso solo per vedere la partita dell’Italia.

Lo sciopero non ha niente a che vedere con la vertenza per Pomigliano. Infatti, è stato indetto in maniera unitaria da: Fim, Fiom, Uilm e Ugl.

Il segretario della Fiom di Palermo, Roberto Mastrosimone, commentando lo sciopero ha detto: <<Qui c’é gente che lavora da trent’anni.  Il signor Marchionne non solo sta chiudendo lo stabilimento ma addirittura adesso cerca di screditare il lavoro degli operai. Eppure era stato proprio lui a lodare la professionalità dei lavoratori di Termini Imerese, spiegando che la scelta di chiudere dipendeva da altre cose>>.

La Fiat, nel bene e nel male, sta monopolizzando l’informazione. Vuoi vedere che è tutta una mossa per farsi un po’ di pubblicità.

Marco Di Mico