Il robot che sa giocare a biliardo

    Oramai il confine tra realtà e fantascienza diventa col passare del tempo  sempre più sottile e cose che fino a qualche anno fa sembravano impossibili, degne solo delle saghe di Star Trek o di Guerre Stellari, oggi sono possibilissime.

    Se la scienza fa passi da gigante con continue ed innovative scoperte, bisogna dire che il ramo della robotica va decisamente più spedito e i frutti incominciano ad essere davvero stupefacenti.

    I robot incominciano ad “invadere” il mondo degli umani e le idee visionarie di alcuni registi, tra cui Ridley Scott in Blade Runner, non sembrano più essere tanto farneticanti e lontane da una concreta attuazione.

    Macchine che si stanno progressivamente sostituendo all’uomo. Questo già accade nei lavori più pesanti e rischiosi all’interno delle fabbriche, in alcune sale operatorie per interventi chirurgici ad altissima precisione e addirittura tra gli artificeri col compito di disinnescare ordigni esplosivi ad alto potenziale distruttivo.

    Robot che possono svolgere tantissime altre mansioni facilitando di fatto la vita degli uomini. Ma gli scienziati vogliono di più! Alla funzionalità stanno cercando di abbinare l’esteriorità costruendo robot dalle fattezze tipicamente umane.

    Sono già stati realizzati degli androidi capaci di riprodurre alla perfezione le espressioni del volto umano e chissà che la strada intrapresa dagli scienziati e ricercatori non sia proprio quella già molti anni prima anticipata nei libri e films di fantascienza.

    Che la realtà sia ormai molto vicina alla fantascienza lo si capisce dai tanti video e dalle foto bizzarre che impazzano su internet.

    Robot che tirano calci ad una palla, che cantano e ballano e addirittura giocano a scacchi. Ma onestamente, avreste mai  osato pensare, un giorno di vedere un robot giocare a biliardo?

    Un gruppo di ragazzi, che si fa chiamare Poolshark, in una settimana soltanto hanno realizzato hardware e software per costruire un robot in grado di giocare a biliardo!

    Il risultato è francamente sensazionale, sebbene non esente da difetti e piccoli errori dovuti sicuramente alla programmazione affrettata e al poco tempo impiegato per realizzare il lavoro, tuttavia si tratta di un esperimento interessante e molto divertente!

    Per la cronaca, il robot a giocare a biliardo gioca, ma con pessimi risultati! Insomma non tutte le ciambelle escono col buco!

    Fabio Porretta