Attacco contro un ministero ad Atene

ATENE – Un’esplosione, avvenuta nella sede del ministero dell’Interno greco, ha causato la morte di uno dei principali collaboratori del ministro Michalis Chrisochoidis. Lo scoppio sarebbe stato causato da un pacco bomba avvenuto proprio nell’ufficio dell’aiutante del ministro. L’esplosione ha sfondato il muro di divisione dell’ufficio dell’aiutante con quello di Chrisochoidis, che però non si trovava nell’edificio.

IL MINSITRO: «PRENDEREMO GLI ASSASSINI» – Il ministro dell’interno Michalis Chrisochoidis ha affermato che «i terroristi assassini saranno arrestati e processati» ed ha confermato la morte del suo più stretto collaboratore, Giorgio Vassilakis di 53 anni a causa dell’esplosione di un pacco bomba. Chrisochoidis ha detto di aver perso «un buon amico e un bravo collaboratore» ed ha assicurato che «la lotta contro il terrorismo continuerà sino alla fine».

Articolo tratto da Corriere.it