Maxi sequestro di vetri di Murano venduti a metà prezzo: erano “made in China”

Maxi sequestro della Guardia di Finanza di Venezia di prodotti in vetro «made in China», venduti però come preziosi oggetti di Murano da tre società veneziane i cui rappresentanti legali sono stati denunciati. Undici milioni gli articoli sequestrati tra bicchieri, murrine, candele in vetro, maschere, crocifissi, collane, ciondoli e pendenti, nonché accessori vari.

SCONTO – Due aziende sono dell’isola lagunare di Murano, la terza invece di Jesolo (Venezia). In pratica, sostituivano le etichette del Paese asiatico apponendo quelle indicanti «Murano Glass». Il sistema di frode è stato scoperto dal Comando provinciale di Venezia delle Fiamme gialle: i prodotti venivano venduti a prezzi decisamente competitivi arrivando a uno sconto fino al 50%, mettendo così in forte crisi i concorrenti (fonte: Ansa).

Corriere.it