Iraq, Baghdad: strage di cani randagi

Secondo quanto riferisce il Washington Post, a Baghdad sono stati eliminati 58mila cani randagi in 3 mesi.Per far fronte ai ripetuti attacchi di branchi, i cani sono stati soppressi con veleno o a colpi di arma da fuoco.  L’operazione è stata condotta da 20 squadre di agenti di polizia e veterinari che per 90 giorni hanno battuto, strada per strada, l’intera capitale. L’allarme per i randagi aggressivi nella capitale irachena era scattato già nel 2008, quando gli attacchi contro le persone da parte di questi cani si sono moltiplicati. Sotto il regime di Saddam Hussein, i cani randagi o privi di riconoscimento venivano regolarmente uccisi.

Emiliano Stefanelli