Camorra, ecco l’identikit del boss latitante dei Casalesi Michele Zagaria

La Procura di Napoli e la Questura hanno diffuso le foto anche alla frontiera. Ma negli ambienti investigativi molti sono convinti che si trovi a Casapesenna o Casal di Principe

Su disposizione della Procura di Napoli, la Questura partenopea ha diffuso un nuovo identikit (due foto) del superlatitante dei casalesi Michele Zagaria, di 52 anni. Si tratta di un’operazione di invecchiamento, fatto dalla polizia scientifica, datata al maggio 2010, ed e’ stato realizzata sulla base delle testimonianze di alcuni collaboratori di giustizia che hanno dichiarato di averlo incontrato di recente. L’ultima foto del boss, ricercato dal 1995, in possesso delle forze dell’ordine, risale al 1993. Nelle prossime ore, le due immagini saranno inviate ai posti di polizia di frontiera, anche agli ospedali ed alle strutture sanitarie private di tutto il territorio nazionale: infatti, Michele Zagaria soffre da anni di patologie epatiche che, negli ultimi tempi, si sarebbero aggravate. Nelle foto distribuite dalla polizia, il latitante appare dimagrito, stempiato e con i capelli ingrigiti. Oltre che su Michele Zagaria, la “primula rossa” della camorra casertana, le ricerche degli investigatori si stanno concentrando anche sull’altro latitante “storico” dei casalesi, Antonio Iovine.