Afghanistan, previsto rientro in patria dei due italiani morti

I resti dei due militari italiani, Mauro Gigli e Pierdavide De Cillis, uccisi ieri in Afghanistan dallo scoppio improvviso di un rudimentale ordigno (ied) saranno trasferiti nelle prossime ore direttamente in Italia da Herat, sede del Comando regionale occidentale (RC-W) sotto responsabilità italiana.

“Rientreranno direttamente da qui senza passare per Kabul – ha detto oggi all’ANSA il maggiore Mario Renna – e stiamo aspettando la comunicazione ufficiale sugli orari dell’aereo che li preleverà”. A poche ore dall’ennesima tragedia che ha colpito il contingente italiano, gli uomini della Brigata alpina Taurinense sono ancora sotto shock, mentre il generale Claudio Berto e gli ufficiali a lui vicini studiano quanto è successo per capire se vi siano stati errori di procedura. “Ma i codici applicati in queste circostanze – ha assicurato il maggiore Renna – sono molto collaudati e non credo che vi saranno variazioni”.

Fonte: Ansa