Clima, 2010, secondo anno più caldo su 160: riscaldamento del pianeta, colpa degli umani

Met – Il pianeta si sta ”indubbiamente” riscaldando e la colpa è con molta probabilità degli esseri umani. Ad affermarlo è il più completo studio finora condotto con dati provenienti da ogni continente e raccolti dal Met Office, l’ufficio meteorologico britannico. Gli autori della ricerca si sono basati su dieci ‘indicatori’ chiave del clima, tra cui i livelli del mare, la temperatura dell’aria, l’umidità, la scomparsa dei ghiacci dell’artico e l’ erosione dei ghiacciai. I dati sono stati pubblicati nell’ambito della revisione annuale sul clima del National Oceanographic and Athmospheric Administration statunitense e mostrano che il riscaldamento globale è una realtà “innegabile”.
Secondo il Met Office il 2010 potrebbe diventare il secondo anno più caldo a livello globale negli ultimi 160 anni. Il più caldo finora è stato il 1998.
Sebbene la maggioranza dei dati sia stata pubblicata già precedentemente, si tratta della prima volta in cui sono stati raccolti e analizzati in un unico rapporto. Al contrario del dipartimento dell’università dell’East Anglia – nei mesi scorsi al centro delle polemiche sulle email trapelate – che nelle sue ricerche si era focalizzato unicamente sulle temperature a livello terra, il Met Office si affida ad altri nove indicatori, i cui dati confermano un riscaldamento del Pianeta a livello globale, come già previsto dai modelli virtuali per l’analisi del clima.
“Nonostante la variabilità causata dai cambiamenti a breve termine, l’analisi di questo rapporto illustra le ragioni per cui siamo così sicuri che il mondo si stia riscaldando. Quando osserviamo tendenze decennali utilizzando combinazioni di dati diverse e analisi indipendenti da diverse parti del mondo, vediamo i segni chiari e inconfondibili di un mondo che si sta riscaldando”, ha dichiarato Peter Stott direttore del centro per il monitoraggio del clima presso l’Hadley Centre del Met Office.

Dagli Stati Uniti, nuovi moniti degli scienziati:
Il cosiddetto ‘global warming’, il riscaldamento del pianeta Terra ”è  innegabile”. A sostenerlo un rapporto internazionale, stillato da oltre 300 scienziati provenienti da 48 Paesi del mondo riunitisi negli Stati Uniti per la Conferenza annuale sullo stato del clima: un rapporto in base al quale l’analisi, condotta su dieci indicatori condivisi ‘chiaramente e direttamente collegati al rialzo delle temperature’, porta alla conclusione che ‘il ‘global warming’ è innegabile’.

Fonte: Ansa Ambiente; Ansa