Spagna: Ministro della Sanità preoccupato per l’aumento del consumo di alcol

SPAGNA AUMENTA CONSUMO DI ALCOL – L’ultima indagine sulle tossicodipendenze, realtiva al 2009-2010, presentata dal ministro della Sanità  in Spagna, Leire Pajin, mostra un quadro allarmente rispetto al consumo di alcol in tutte le fasce sociali e di età.
Secondo i dati, uno spagnolo su due è stato ubriaco almeno nell’ultimo anno, mentre 2 su 10 lo hanno fatto almeno 12 volte nello stesso periodo, facendo registrare un incremento di 4 punti rispetto al rapporto precedente.
Per questo il ministro della Sanità ha espresso le proprie preoccupazioni alle autorità sanitarie sul fenomeno dell’aumento del consumo di alcol.
Mentre le buone notizie arrivano dal fronte delle droghe, in cui si evidenzia una diminuzione del consumo sia di cocaina fra gli adulti (1,2% della popolazione fra 15 e 64 anni ha consumato cocaina nell’ultimo mese, rispetto all’1,6% del 2007 e all’1,3% del 2001), sia nel consumo delle droghe sintetiche, che tocca un tasso inferiore all’1% della popolazione fra i 15 e i 64 anni nell’ultimo anno.