Introdotto il georadar nelle ricerche di Yara Gambirasio, la tredicenne scomparsa da Brembate

YARA RICERCHE GEORADAR – Sono tornati nel cantiere del centro commerciale alle porte di Mapello a Bergamo i carabinieri del Ros.

Le ricerche presto si estenderanno anche in altri cantieri vicini a Brembate Sopra utilizzando un georadar, un’apparecchiatura che misura la consistenza del cemento anche in profondità, per rilevare eventuali anomalie. Lo strumento è in grado di mostrare la stratigrafia della parte di sottosuolo investigato, attraverso la riflessione delle onde elettromagnetiche. Una volta valutate le caratteristiche elettriche, può «vedere» la forma di un corpo estraneo, il suo spessore e valutare la profondità alla quale esso si trova. Proseguono anche così le ricerche di Yara Gambirasio, scomparsa ormai da quasi due settimane in provincia di Bergamo. Con lo strumento, gli uomini del Ros vogliono escludere che il corpo della ragazzina si trovi sotto una colata di cemento.

Luca Bagaglini