Carnevale di Viareggio a rischio: pignorata per 400mila la fondazione organizzatrice della kermesse

PIGNORATA FONDAZIONE CARNEVALE DI VIAREGGIO METTENDO A RISCHIO LA KERMESSE – Un pignoramento di 399mila euro metterebbe a rischio una delle più importanti manifestazioni nazionali, mondialmente rinnomata. A correre in soccorso della Fondazione Carnevale, il Sindaco di Viareggio Luca Lunardini che senza mezzi termini dichiara: “Il Carnevale 2011 si farà. Anche a costo di finanziare di nuovo la Fondazione”.  Il primo cittadino rassicura i suoi cittadini ai quali garantisce lo svolgimento regolare del Carnevale: “Invito tutte le parti in causa a fare un passo indietro per il bene della città. Ma comunque garantisco che il Carnevale si farà. Se il tribunale non dovesse sbloccare quel pignoramento – afferma il sindaco – siamo pronti anche a finanziare di nuovo la Fondazione, e poi chiedere i danni ai responsabili. Viareggio non può fare a meno della sua espressione artistica e culturale più alta”.
La Fondazione Carnevale, promotrice della kermesse, è stata accusata da un’associazione di avere utilizzato il nome “Libecciata”, in realtà già registrato, per il nome di una banda musicale che si esibì durante il Carnevale. “In verità – spiega il presidente della Fondazione Carnevale Alessandro Santini – abbiamo utilizzato quel marchio registrato solo per due giorni. Poi, quando ci hanno fatto presente il problema, l’abbiamo eliminato e la banda ha sfilato per quattro corsi in maniera anonima, senza nome”.
I danni iniziali richiesti dall’ associazione erano di 266 mila euro, che si sono trsformati in un pignoramento, da parte del Tribunale di Firenze, di 399 mila euro. “Esattamente la cifra necessaria – spiega Santini – per pagare la seconda rata ai carristi che hanno già contattato le maestranze e ordinato i materiali per i carri. Senza quei soldi il Carnevale 2011 rischia di saltare”.
Situazione ancor più allarmante per Santini nel caso in cui il tribunale non si esprimerà, il prossimo 23 dicembre, rinviando la sentenza: “A quel punto Viareggio dovrebbe fare a meno del Carnevale. Per questo mi appello ai giudici: vogliamo subito una sentenza”.