Madre e figlia scomparse da Torre del Lago, sempre più oscura la vicenda: trovato impiccato il proprietario del terreno dove vivevano le donne

SCOMPARSA DONNE DA TORRE DEL LAGO – S’infittisce la vicenda sulla scomparsa di due donne da Torre del Lago, una frazione di Viareggio.
Questa mattina, è stato trovato impiccato lo zio di Massimo Remorini, quest’ultimo unico indagato nell’inchiesta della Procura di Lucca. Lo zio di Remorini, 66 anni, vedovo, è stato trovato nella sua abitazione, dalla figlia, con una corda al collo e allacciata al corrimano delle scale. 
Il terreno dove vivevano le donne sparite lo scorso settembre, Maddalena Semeraro, 80 anni, e la figlia Claudia Velia Carmazzi, 59 anni, era di una società di cui fa parte il figlio della Carmazzi, David Paolini, gestita dallo stesso Remorini.
L’uomo, detto “lo zio”, secondo il figlio della Carmazzi, avrebbe venduto due appartamenti di proprietà della nonna, senza che l’anziana avesse mai incassato i soldi. 
Indagini ancora in corso su che fine abbiano fatto i soldi della vendita, mentre sul terreno, sotto sequestro della Procura di Lucca, in cui sono parcheggiate le roulotte, sono in corso rilevamenti del nucleo di scienze biologiche del Ris di Roma e delle unità cinofile. Nel frattempo i carabinieri del Ris hanno setacciato anche il furgone di Remorini, che è indagato per sequestro di persona e circonvenzione di incapace.